questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Tra Noè e Woddy Allen: il Bif&st n. 5

Attualità, Eventi

21/03/2014

Si parte con un profeta biblico interpretato da Russell Crowe e si chiude con un gigolò interpretato da Woody Allen! 

Il Bif&st, la manifestazione diretta da Felice Laudadio e presieduta da Ettore Scola, presenta la sua quinta edizione in programma a Bari dal 5 al 12 aprile. 

Noah, il colossal biblico di Darren Aronofsky, interpretato da Russell Crowe, Jennifer Connelly, Emma Stone aprirà le danze al Petruzzelli sabato 5 aprile,  seguito il giorno successivo da The Gran Budapest Hotel di Wes Anderson, entrambi passati al festival di Berlino. Due titoli sulla cresta dell'onda, il primo sulle prime pagine di tutti i giornali dopo le polemiche create dai vari movimenti integralisti, cattolici e mussulmani e dopo la visita del cast in Vaticano, il secondo uscito in Usa in un numero limitato di sale ha ottenuto un successo di pubblico e di critica a dir poco clamoroso. Attese inoltre le anteprime internazionali di War Story interpretato da Anthony Hopkins assieme ai nostri Vincenzo Amato e Donatella Finocchiaro,  il britannico The Invisible Man di e con Ralph Fiennes, il francese L'amour est un crime parfait di Arnaud e Jean-Marie Larrieu, con Mathieu Amalric, Karin Viard, Sara Forestie, lo svedese Il centenario che saltò dalla finestra e scomparve di Felix Herngren, con Robert Gustafsson, Iwar Wiklander, David Wiberg. Si chiude il 12 aprile con Woody Allen, questa volta in veste di attore accanto a John Turturro in Fading Gigolò, diretto da quest'ultimo. 

Nel corso degli otto giorni della manifestazione sono programmati 332 diversi appuntamenti, 238 dei quali sono proiezioni. Di queste, 54 sono a ingresso gratuito, in particolare per il Tributo dedicato a Gian Maria Volonté che contiene in totale 75 appuntamenti. Fra concorso e fuori concorso, comprese repliche e retrospettive, verranno proiettati 141 lungometraggi, 44 cortometraggi, 40 documentari, 14 Eventi speciali e altro presentati nel Teatro Petruzzelli e nelle altre 11 sale della città impegnate dal Bif&st anche per le mostre, le tavole rotonde e i laboratori. Il costo di questa imponente Festa del Cinema – che nel 2013 ha fatto registrare 70.000 presenze per i 402 eventi in programma – è di poco superiore al milione di euro netti, una differenza sostanziale, come sottolineato dal Direttore Artistico Felice Laudadio, rispetto ai costi astronomici degli altri Festival della penisola. 

Cinque i Federico Fellini Platinum Award for Cinematic Excellence assegnati in questa edizione ad altrettante personalità del cinema che terranno una personale lezione sulla settima arte aperta al pubblico. I premiati del 2014 sono Paolo Sorrentino (6 aprile), Sergio Castellitto (7), Cristina Comencini (8), Luis Bacalov (10), Michael Radford (11), mentre i Federico Fellini Platinum Award for Artistic Excellence andranno a due personalità della cultura e dell’audiovisivo: Ugo Gregoretti (9) e Andrea Camilleri (12). La sezione competitiva  Panorama Internazionale vede in gara 12 film prodotti nell’ultimo anno e totalmente inediti nel nostro paese verrà giudicata da una giuria formata da 30 spettatori e presieduta dal regista sceneggiiatore Francesco Bruni. L'altra sezione, anch'essa competitiva, ItaliaFilmFest, ha in cartellone 11 titoli di produzione italiana scelti dalla Direzione del festival e che saranno giudicati da una giuria di critici appartenenti al SNCCI. Ad altri 30 spettatori, guidati stavolta da Giuliano Montaldo, il compito di decretare il vincitore tra le opere prime e seconde della sezione ItaliaFilmFest, che vede in lizza 12 pellicole. 

Il poster ufficiale del Bif&st 2014 – Bari, 5-12 aprile – è dedicato a Gian Maria Volonté. Per ricordare il grande attore teatrale, cinematografico e televisivo – che il 9 aprile 2013 avrebbe compiuto 80 anni e del quale nel 2014 (6 dicembre) ricorrono i 20 anni dalla scomparsa – il Bif&st gli dedica il più vasto tributo finora mai realizzato. Un Tributo incentrato sul mestiere e sull’arte dell’attore, e sul suo profilo umano e politico, ripercorsi da alcuni di coloro (registi, attori, produttori) che gli furono vicini e sodali sul set e talora nella vita e che negli 8 giorni del festival terranno 9 incontri su Volonté, allievo anche lui, come Andrea Camilleri e come tanti grandi attori, di Orazio Costa all’Accademia Nazionale d’Arte Drammatica Silvio D’Amico di Roma.

Il “Festival Gian Maria Volonté” – un festival nel festival – è realizzato con la collaborazione determinante di RAI Teche dirette da Barbara Scaramucci, della Cineteca Nazionale-Centro Sperimentale di Cinematografia diretta da Emiliano Morreale, dell’Istituto Luce-Cinecittà amministrato da Roberto Cicutto, dell’Archivio audiovisivo del Movimento operaio e democratico e dell’Associazione culturale Quasar di La Maddalena presieduta da Giovanna Gravina Volonté.

Oltre a quello dedicato a Gian Maria Volonté il Bif&St dedica altri due tributi a due registi scomparsi recentemente, come Carlo Mazzacurati di cui sarà proiettato l’ultimo film, ‘La sedia della felicità’, e Alain Resnais, maestro del cinema francese omaggiato dalla proiezione del suo ‘Hiroshima Mon Amour’ in versione restaurata. Nel ventennale della scomparsa si ricorderà poi Massimo Troisi grazie alle lezioni di cinema di Louis Bacalov e Michael Radford e al focus con Ettore Scola che lo ha diretto in tre film. 

Scritto da Piero Cinelli
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA