questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Tra iene e tamarri

Attualità, Personaggi

18/03/2014

Ennesimo passaggio, con illustri precedenti conterranei, da piccolo a grande schermo, le due iene Pio e Amedeo, gli Ultras dei Vip di Italia 1, sbarcano al cinema (in 400 sale) con il loro primo film Amici come noi, una commedia molto demenziale che porta il marchio della 'premiata' scuderia TaoDue di Pietro Valsecchi, il produttore di Checco Zalone e dei Soliti idioti, un nome e una garanzia, visti i precedenti.

Una commedia che gioca tutto sulla tamarritudine di Pio D'Antini e Amedeo Grieco due pugliesi, anzi foggiani doc, soci, nella finzione, di una supertecnologica agenzia di pompe funebri, costretti a cambiare aria in seguito ad un imbarazzante incidente 'familiare'. Alla vigilia delle nozze con Rosa (Mastronardi), Pio scopre che su youtube gira un video porno con protagonista la sua promessa sposa. Amedeo, bomber della locale Real Zapponeta, convince il compare a cambiare aria, almeno per un po', per evitare non solo il matrimonio ma soprattutto le battute dei concittadini. Il viaggio li porterà prima a Roma, e poi a Milano, per terminare ad Amsterdam.

Spavaldi e autoironici "Siamo la morte del cinema e se siamo arrivati noi al cinema gli attori dovrebbero farsi un sacco di domande" i due comici cercano di esorcizzare l'ovvia paura del debutto. Scopriamo che la loro amicizia, cementata da un sodalizio molto proficuo, è nata dall'età di dieci anni "La nostra è un'amicizia, vera e forte. I nostri caratteri si amalgamano bene". Il produttore Pietro Valsecchi, che ha firmato a scatola chiusa un contratto per due pellicole, non ha dubbi: "Sono due tamarroidi e oggi i tamarroidi vanno bene perché un pubblico tamarro c'è". Dietro la macchina da presa uno che di coppie demenziali se ne intende: Enrico Lando, al terzo lungometraggio dopo I Soliti idioti e I 2 soliti idioti con Francesco Mandelli e Fabrizio Biggio. "Loro sono proprio cafoni, come li vedete in tv."
Inevitabile il riferimento al compaesano Checco Zalone: "Il film è stato prodotto con i soldi avanzati dal catering di Zalone, perché tra pugliesi bisogna darsi una una mano."

Scritto da Piero Cinelli
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA