questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

To Rome with love: la recensione

Attualità, Recensioni

13/04/2012

Roma ha un altro monumento

Come Rohmer con i suoi 'racconti di primavera' e 'd'autunno', Woody Allen continua la serie dei 'racconti di città', con Roma splendida figurante, dopo Parigi, Londra, Barcellona. Di ogni città Allen cerca di cogliere il genius loci, l'umore più profondo, quello che nutre l'atteggiamento della popolazione, e pertanto non pensate di trovare nessuna somiglianza tra questi film, a parte il tocco leggero del regista, ognuno legato alle sue personali impressioni e intuizioni che fanno girare in modo assolutamente originale la ineusaribile commedia umana. E se Parigi evoca le storie degli artisti che l'hanno resa ancora più grande, Roma, un pò come è successo a Scorsese, riverbera ancora, a distanza di cinquanta e più anni, il mood degli anni '60. Nonostante il film sia ambientato ai nostri giorni, è come se il tempo cinematografico si fosse fermato a quel periodo. Si avverte un omaggio e un amore verso la commedia italiana degli anni d'oro. Oltre a qualche citazione più o meno diretta vedi il vigile di Piazza Venezia ed i pezzi musicali d'antan (la canzone Volare in apertura fa venire i brividi) sono le frequenti riprese degli angoli più belli della città a creare un effetto di leggero quanto piacevole straniamento. La commedia italiana si mescola con quella alleniana, con effetti spesso esilaranti, ed episodi che si sovrappongono in una rincorsa che tiene in sospeso fino alla fine, che è un peccato quando arriva.

Il film si compone di quattro episodi, uno dei quali, forse il migliore, interpretato dallo stesso Allen nel ruolo di un impresario di musica operistica in pensione, che assieme alla moglie è giunto a Roma per conoscere la famiglia del fidanzato romano della figlia. Un altro episodio accompagna una intensa quanto caotica giornata romana di una giovane coppietta (Alessandro Tiberi e Alessandra Mastronardi) proveniente da Pordenone che vorrebbe trasferirsi nella capitale. C'è poi un'altra coppia americana residente a Trastevere (Jesse Eisenberg) che verrà sconvolta dall'arrivo di un'amica (Ellen Page). Infine un uomo comunissimo (Roberto Benigni) si troverà improvvisamente e inspiegabilmente al centro dell'attenzione mediatica.

Scritto da Piero Cinelli
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA