questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

The Town: è Boston il luogo del delitto

08/09/2010

Sono arrivate le grandi star a Venezia. Ben Affleck, regista/interprete/sceneggiatore di The Town, fuori concorso, e i suoi magnifici attori a cominciare da Jeremy Renner, Rebecca Hall, Jon Hamm (il protagonista del serial tv vincitore degli Emmy Awards: Mad Men).

Un uomo e una donna si incontrano, sono belli, si innamorano, sono Affleck e la Hall. Iniziano una relazione. Pochi giorni prima nella Banca dove lavora la ragazza è stata commessa una rapina. Affleck è il capo della banda. All'inizio Doug vuole scoprire se Claire ha potuto notare qualcosa di particolare che potrebbe portare l'FBI - capitanata da Jon Hamm - al loro riconoscimento. E, in effetti, qualcosa c'è. The Town, seconda regia di Affleck dopo il notevole Gone Baby Gone interpretato dal fratello Casey, prende il titolo da un quartiere di Boston, Charlestown dove abita la maggior parte degli autori delle oltre 300 rapine che ogni anno avvengono in città. Non vi vogliamo svelare di più della trama anche perché The Town è un film davvero coinvolgente, pieno di azione ma anche di intimità, da vedere. E' liberamente tratto dal libro 'Il principe dei ladri' di Chuck Hogan che Dennis Lehane ha donato ad Affleck. Proprio perché Boston è la protagonista del film.

Come ci dice Affleck: "Io ho adorato Gomorra perché non puoi capire quei personaggi se non ti cali nel panorama, nel luogo in cui vivono. Per The Town è la stessa cosa. Boston è la città nella quale sono cresciuto, la conosco bene, ed è fondamentale per lo spettatore riuscire a comprendere questi rapinatori/assassini grazie al contesto nel quale sono cresciuti. Se no sarebbe impossibile non ci potrebbe essere alcuna empatia con tanta violenza e criminalità se non sai niente di loro. Per questo vedo una forte analogia con i miei film precedenti come Gone Baby Gone e anche con Will Hunting - genio ribelle. Charlestown è un luogo che ti incatena e che segna il tuo destino. Doug ad un certo punto grazie a Claire vuole cambiare. Ma non è facile cambiare. Anche quando sai perfettamente che ti stai comportando male, che stai facendo e prendendo decisioni sbagliate. Ma chi ti sta intorno, il posto dove sei nato, segna il tuo destino".

Mister Affleck ha intenzione di continuare con la regia? "Assolutamente sì. - ci dice il regista/attore - Mi piace moltissimo fare regia. Con Gone Baby Gone ero così nervoso che pensavo che nemmeno sarei riuscito a finire il film. Questa volta è andata molto meglio, tutto sta nel contornarsi della gente giusta a cominciare dal cast. Il segreto sta tutto nella scelta degli attori. Attori dei quali non è necessario preoccuparsi. Dicevo: 'Azione' e loro erano straordinari. Quando in montaggio mi rendevo conto di avere delle cadute nella mia recitazione, potevo sempre tagliare su di loro e salvare la scena. Credo che dirigere un film insegni molto ad un attore. Sarebbe un bene se tutti riuscissero a farlo almeno una volta. Ti dà una diversa prospettiva sulla recitazione. Ti rende cosciente dell'intero processo, capisci cosa è veramente utile ai fine del processo finale del film passando, ovviamente, prima per quel momento cruciale che è il montaggio. Così come essere attori ti aiuta a dirigere i tuoi colleghi. La tua esperienza ti insegna a metterli a proprio agio perché possano dare il meglio".

Come li ha scelti quindi questi attori veramente straordinari per The Town?
"Jeremy Renner lo conosco da tanto tempo e poi basta citare la sua performance in The Hurt Locker e chi non lo avrebbe voluto. E poi non vi sembra che assomigli moltissimo a James Cagney, quindi per un film di gangster era a dir poco perfetto. Rebecca Hall l'ho vista in Frost/Nixon e me ne sono subito innamorato. Jon Hamm l'ho scelto perché credo che Mad Men sia meglio di moltissimo cinema americano che si fa ora e la sua interpretazione del protagonista, Don Draper, ha conquistato tutti gli Stati Uniti e direi tutto il mondo. Poi voglio anche ricordare chi non è qui con noi a Venezia come Blake Lively, Chris Cooper e Pete Postlethwaite".

Allora a questi magnifici interpreti domandiamo una battuta su com'è Ben Affleck come regista?
Jeremy Renner: "Mi ha detto: 'Senti tu non rompere, fai poche storie che vai bene come sei'. E mi ha presentato una sacco di assassini e rapinatori di Boston dato che io sono lo schizzato del gruppo".
Rebecca Hall: "Mi ha lasciata completamente libera nel pensare una storia, un background di questa ragazza anche se mi ha seguito passo passo e mi è sempre stato vicino per qualsiasi dubbio o difficoltà avessi".
Jon Hamm: "Io non posso che ringraziarlo. Da quando interpretato Mad Men mi sono arrivati mille copioni tutti uguali al personaggio di Don Draper. Io adoro Don, gli devo moltissimo, ma nessun attore vorrebbe fare lo stesso ruolo per tutta la vita. Quindi il mio agente Frawley dell'FBI è un personaggio completamente diverso, ha una sua morale, è un uomo legato alla legge, pieno di comprensione e buon senso. Una esperienza eccezionale che spero si possa ripetere presto in un prossimo futuro".

The Town è distribuito dalla Warner Bros. e arriverà nei nostri cinema l'8 ottobre.

Scritto da Nicoletta Gemmi
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA