questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

The Pills: Sempre meglio che lavorare

Attualità

15/01/2016

The Pills
ll trio della serie culto che racconta in rete le disavventure quotidiane di tre trentenni sbarca al cinema in 350 sale distribuito da Medusa. In The Pills - Sempre meglio che lavorare ognuno di loro ha una sfida: Luca, si scopre irresistibilmente attratto dal lavoro, complice l'incontro con un'affascinante ragazza, e dal sogno di aprire un "bangla", un negozio di casalinghi e alimentari di quelli che ci trovi tutto a prezzi convenienti. Matteo scopre che il padre cinquantenne (interpretato dal vero padre dell'attore) ha trovato una vocazione artistica. Mette su Instagram i piatti del pranzo e gira la web serie "Idraulici". Luigi, ripesca dall'armadio le vecchie t-shirt, frequenta adolescenti e partecipa perfino all'occupazione dello storico liceo romano Mamiani, in una sorta di adolescenza infinita. I trentenni di oggi non trovano lavoro, non riescono ad emanciparsi e di questo ne soffrono.
I The Pills no. Luigi, Matteo e Luca si conoscono dall'infanzia, hanno quasi trent’anni e nessuna voglia  di prendersi sul serio. Da anni sono paladini di una battaglia ideologica: immobilismo post-adolescenziale costi quel che costi.
Molte le citazioni cinematografiche nel film, da Batman Begins a Fight Club. Spiega Luca Vecchi: "Siamo figli degli anni Ottanta e Novanta, cresciuti col televisore a far da babysitter. Siamo onnivori: la commedia all'italiana e quella americana, la stand up comedy, i cartoni Looney Tones, i fratelli Marx".
Della colonna sonora, che spazia tra Calcutta e i Cani, Luigi spiega che "avevamo all'inizio pensato di usare Vasco e altri classici ma poi ci è sembrato giusto rappresentare e portare al cinema un immaginario musicale coerente, dando spazio a tutti gli artisti nostri coetanei che sono in grado di raccontare questo periodo e la nostra generazione".

Scritto da Vittorio Zenardi
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA