questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

STAR WARS VII e QUO VADO? i film dei record

Attualità

05/01/2016

Continua la marcia trionfale di Star Wars negli States. Il settimo capitolo della saga, Il Risveglio della Forza, diretto da J.J. Abrams, chiude infatti il weekend incassando 88.3 milioni di dollari e raggiungendo 740.3 milioni in totale (a un passo da Avatar, il maggiore incasso di sempre negli Usa) e 1.51 miliardi in tutto il mondo

In America  il settimo capitolo di Star Wars ed in Italia il film dei record è  Quo Vado? la nuova commedia di Checco Zalone.

Checco Zalone e il suo Quo Vado? incassano infatti  nel primo weekend al boxoffice italiano 22.248.000 euro, cioè appena 100.000 euro in meno di Star Wars: Episodio VII - Il risveglio della Forza (attualmente terzo in classifica): peccato che Zalone sia in sala da tre giorni e Star Wars da tre settimane.

box-office-quo-vado-star-wars-record


Persino Gabriele Muccino parla della pellicola italiana in un lungo post pubblicato nella notte sul suo profilo Fb dal titolo 'Quo vadimus?: "Qui si parla di numeri immensi paragonabili ad un blockbuster americano in uscita sul proprio territorio, in una nazione di 300 milioni di persone", terminando con "Auguri Checco".
 In tanti si domandano meravigliandosi e tantissime volte scandalizzandosi (come gia successo con i suoi film in passato)  al perchè una commedia all'apparenza sempliciotta possa fare numeri del genere .  Il regista Muccino suggerisce di non giudicare alla leggera il suo successo perché dietro ad un successo, qualunque successo, c'è sempre un motivo ma non va mai sottovalutato né accantonato dando la colpa agli spettatori che 'non capiscono un cazzo',

Evidentemente, prosegue, gli spettatori riconoscono in Checco quella faccia pulita, quella sua (reale) onestà (che anch'io ho percepito quando l'ho incontrato) e che passa attraverso quello che fa e che era nel Dna degli italiani fino al totale lavaggio del cervello fatto a colpi di diseducazione civica, leggi ad personam, menzogne ripetute infinite volte fino a farle divenire verità, annientamento del senso di una morale invalicabile, monopolio della disinformazione, annientamento della cultura e della dialettica.

"Checco Zalone, dopo i film di Troisi che ricordiamo ancora con grande nostalgia, ha riportato la propria onestà, la propria educazione, la propria semplicità e gentilezza, anche il suo sapersi raccontare senza mai accostarsi al becerume che agli italiani ha fatto ridere al cinema per troppo a lungo senza mai accostare ad esso quello sguardo amaro, introspettivo e quindi malinconico sulle proprie pochezze umane che fece grandi le commedie italiane fino agli anni '70. I film di Zalone, semplici, ben scritti, ben raccontati, interpretati senza volgarità (...) Incontrano la voglia, la disperata urgenza da parte degli spettatori, di tornare ad essere parte di un Paese normale, che si vuole bene e che vuole migliorarsi. Insieme. Niente di più semplice", conclude Muccino. (fonte ANSA)

Scritto da Stefy
Tag: non vi sono tags per questo articolo
VOTO
 

LA PROSSIMA SETTIMANA