questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Standing ovation per Giovanna Cau al Festival di Roma

Attualità

04/11/2011

Con un vero e proprio parterre de Roi - Scola, Montaldo, Lizzani, Rosi oltre a buona parte del cinema italiano di oggi - è stato presentato ieri al Festival Internazionale del Film di Roma il documentario di Marco Spagnoli "Diversamente giovane" dedicato a Giovanna Cau. Un film che permetterà di conoscere anche ai non 'addetti del cinema', un personaggio femminile straordinario per simpatia, umanità e inesauribile energia. Una donna che ha attraversato dal suo studio di avvocato vicino a Piazza del Popolo, più di cinquanta anni di storia del cinema italiano. Entrare nel suo studio, come testimoniano tra gli altri nel bellissimo film lo stesso Scola, Lizzani, Montaldo, Tozzi, Virzì, Giuliano, Magrelli, Laudadio, significava entrare nel cinema 'dalla porta principale', visto che in quello studio spesso si chiudevano o si abbozzavano accordi, idee, sodalizi che poi in genere si trasformavano in film. Amica personale di personaggi come Mastroianni, Fellini, Moravia, Scola, Vitti, Calvino Giovanna Cau racconta con intatto stupore e affetto la sua straordinaria vita vissuta quotidianamente e molto discretamente accanto a questi personaggi. Una vita che continua felicemente anche oggi, dove nonostante l'età di 88 anni, nel suo studio si possono incontrare Crialese, Virzì, Sorrentino ...

"Il progetto su Giovanna Cau e' nato da due fattori congiunti a livello temporale: da un lato la sua disponibilita', ad ottantotto anni compiuti lo scorso marzo, a parlare finalmente di se' in maniera estensiva, rivivendo le sue infanzia e giovinezza, la sua vita professionale. Dall'altro la rilevanza che le parole di questa donna possono avere per raccontare e testimoniare in maniera diretta un pezzo molto importante di storia d'Italia in questo momento difficile del nostro paese". Cosi' il giornalista Marco Spagnoli - gia' autore dei documentari 'Hollywood sul Tevere' e 'Hollywood Invasion' entrambi presentati alla Mostra di Venezia - spiega come e' nato il documentario 'Diversamente giovane'.

Al di là della vivacissima intelligenza, di uno straordinario senso dell'humour, di un pizzico di fortuna  (come dice lei stessa) che sicuramente conta nella vita di tutti, quella che emerge in modo indelebile dall'emozionante e divertente (si ride fino alle lacrime) racconto di Marco Spagnoli, è la figura di una grandissima donna 'normale', come lei ama definirsi, di straordinaria ricchezza umana e civile e di splendido esempio per tutti.

Scritto da Piero Cinelli
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA