questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Spike Lee parla di Oldboy

Attualità, Interviste

02/01/2013

Mentre Sky Arte replica proprio in questi giorni il suo ultimo documentario Bad 25 presentato all’ultimo Festival di Venezia, dedicato al lavoro del suo amico Michael Jackson per l’album Bad realizzato ormai un quarto di secolo fa, Spike Lee ha da poco terminato le riprese di quello che sulla carta potrebbe essere considerato come il remake di Oldboy. Il film del regista coreano Park Chan-Wook è stato ambientato a New Orleans scegliendo come protagonisti Samuel L.Jackson e Josh Brolin. Dopo avere conquistato solo qualche giorno fa le prime pagine dei giornali grazie alla sua polemica con Quentin Tarantino rispetto al razzismo presente in Django (tre anni fa a Cannes il regista aveva litigato  con Clint Eastwood a proposito dell’assenza di soldati neri in Flag of my fathers e lo scorso settembre si era detto ‘preoccupato’ dalla celebre sparata di Eastwood contro Obama alla convention repubblicana ) Spike Lee si conferma per essere uno degli autori americani più lucidi ed eclettici e, soprattutto, senza peli sulla lingua. “E’ un po’ come quando ho lavorato su Michael Jackson per Bad 25. “ osserva Lee “Io non sono attratto dalle controversie, ma – dalla verità e, nel caso di Michael, dalla sua grandezza. Il resto non mi interessava: volevo solo occuparmi della sua musica.”

Parliamo di Old Boy…

Non sarà un remake, ma una reinterpretazione della storia che il pubblico  ha conosciuto tramite il film di Park Chan-Wook. In realtà il manga da cui è stato tratto era giapponese e quindi, alla base, c’è stato già un lavoro di adattamento da una cultura ad un’altra che, per quanto vicine, sono abbastanza differenti tra loro.

La storia di Oldboy ha qualcosa di intimamente orientale: ha lavorato sull’adattamento verso la cultura occidentale, si è basato sul manga?

Non posso essere più preciso al riguardo: quello che, però, posso dire è che siamo stati molto rispettosi del materiale originale, ma che, al tempo stesso, abbiamo lavorato su una nostra interpretazione della trama e, ovviamente, dei suoi protagonisti.

Il film uscirà negli Stati Uniti nell’ottobre di quest’anno…è vero che ha girato in pellicola?

Certamente! Adoro la pellicola e continuerò ad usarla fino a quando mi sarà possibile farlo. Oldboy è stato girato in 35 millimetri.

Scritto da Marco Spagnoli
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA