questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Spielberg l’indiano

06/10/2008

La Dreamworks si è separata dalla Paramount per iniziare un nuovo ciclo produttivo, con ilfinanziamento del miliardario indiano Anil Ambani. L'accordo non coinvolge la Dreamworks Animation.

Dopo le molteplici indiscrezioni comparse sui giornali di tutto il mondo, la Dreamworks di Steven Spielberg ha ufficialmente divorziato da Paramount-Viacom (che l'aveva acquistata nel 2006 per 1,6 milioni di dollari) per creare una joint venture di produzioni cinematografiche con 'Bollywood', con un'iniezione di capitali di 500 milioni di dollari messi a disposizione dal colosso finanziario indiano Reliance Ada, oltre ad una linea di credito della JP Morgan Chase, garantita sempre dal gruppo indiano, di altri 700 milioni. Il magnate Anil Ambani, il cui gruppo ha interessi nelle telecomunicazioni, nei servizi finanziari e nello spettacolo, e che controlla la più importante società di produzione di Bollywood, già da un paio di anni si stava muovendo per entrare nei mercati occidentali, firmando accordi per singoli progetti con la Smokehouse di Clooney, la Playtone di Hanks e la Pal B di Pitt. Adesso l'alleanza con Spielberg gli spalanca le porte di Hollywood. Che il sodalizio con Paramount andasse molto stretto a Spielberg, era cosa nota nella Mecca del cinema. Già l'anno scorso il regista aveva ventilato una possibile uscita dal gruppo, provocando una pungente dichiarazione da parte di Philippe Dauma, Amministratore Delegato di Viacom, azionista di Paramount: "L'eventuale distacco di Spielberg sarebbe completamente ininfluente sul futuro della Compagnia".

L'accordo con Ambani prevede una linea produttiva di circa sei film l'anno, ma non è chiaro quanti dei circa 30 progetti già approvati dal board of directors di Paramount e Dreamworks, molti dei quali già in fase di lavorazione, resteranno alla Paramount o andranno alla 'nuova' Dreamworks. La Società inoltre dovrà riorganizzare la propria rete distributiva, ed a questo proposito la Universal, il cui Amministratore Delegato Ron Meyer vanta una solida amicizia con Spielberg, avrebbe già dato la propria disponibilità.


Scritto da ADMIN
VOTO
 

LA PROSSIMA SETTIMANA