questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Solo Stone e Penn piangono Chavez

Attualità, Personaggi

06/03/2013

La democratica Hollywood, quasi compatta per il supporto ad Obama (con poche vistose eccezioni vedi Clint Eastwood) non partecipa al lutto del popolo venezuelano per la morte del loro Presidente Hugo Chavez. Un silenzio assordante se comparato alla grande loquacità verso tutti gli accadimenti politici dei paesi del sud del mondo, vedi il Sudan di Clooney, la Siria di Angelina Jolie etc. Un silenzio che si traduce in imbarazzo nei confronti di un leader controverso, che in quattordici anni di governo non ha mai cessato di attaccare l'imperialismo Usa cercando di promuovere una grande alleanza dei paesi latinoamericani. Uniche voci come sempre fuori del coro quelle di Oliver Stone che nel 2009 ha girato un documentario su Chavez e sui cambiamenti  politici del continente sudamerico, intitolato "South Border", che venne presentato al Festival di Venezia dove assieme a Stone arrivò con grande clamore mediatico anche Hugo Chavez. Stone ha commentato: "Odiato dalle classi privilegiate, Hugo Chavez vivrà nella storia del suo paese." Sean Penn, amico personale di Chavez, ha dichiarato: "Oggi gli Stati Uniti hanno perso un amico che non sapevano di avere, e la povera gente di tutto il mondo ha perso un campione."
Per ultimo Michael Moore ha twittato: "Non leggeremo commenti positivi nei nostri media, pertanto vorrei dire un paio di cose buone su Chavez per bilanciare."

Scritto da Piero Cinelli
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA