questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Solo Dio Perdona: Intervista con Nicolas Winding Refn

Attualità, Interviste

27/05/2013

Presentato al Festival di Cannes che si è chiuso ieri, in concorso, Only God Forgives diretto da Nicolas Winding Refn e con protagonisti Ryan Gosling, Kristin Scott Thomas e Vithaya Pansringarm ha assolutamente diviso pubblico e critica: odiato o amato. Il popolo di Internet lo ha incoronato come Miglior Film del 66esimo Festival, secondo la classifica stilata dal blog francese ReputanionSquad spulciando i commenti sulla Rete da tutto il mondo, gli sono andate 25 mila preferenze. Non dello stesso avviso molti critici che lo hanno definito ‘il nulla’  mentre altri lo hanno osannato come un film degno di Maestri come Kurosawa o Yasujiro Ozu.

A Roma per incontrare la stampa Nicolas Winding Refn afferma immediatamente: “E’ stato magnifico quest’anno a Cannes, per me leggere tutte quelle cose su Only God Forgives, la maggior parte delle quali non avevo nemmeno pensato, mi ha fatto capire: hai fatto la cosa giusta! Ovvero ho colpito lo spettatore. Anche se per alcuni di loro potrebbe essere stata una delle peggiori esperienze della loro vita non se la scorderanno, se invece non affondi mai la lama, stai tranquillo, sicuro, comodo, che cosa lasci alla gente? Quindi è andata benissimo, sono molto felice quando l’audience si divide sul mio lavoro o su quello dei miei colleghi perché per me questo è il fine del cinema. E il cinema è arte”.

In molti hanno rivisto in Only God Forgives riferimenti agli spaghetti western, altri al cinema orientale, dato che è interamente ambientato a Bangkok dove spiritualità e ultra-violenza convivono insieme…, lei che dice? “Io non so mai di preciso da dove nasce un mio film. Only God Forgives è nato dall’inquadratura delle mani di Ryan, che vedete nel film, ed è una scena che ripeto più di una volta. Poi è nata una storia e man mano i personaggi. In generale io amo tutto il cinema, sono veramente onnivoro. Gli spaghetti western li adoro ma non credo di essere in grado di realizzarne uno… la cinematografia asiatica mi affascina da morire per me vedere un film giapponese, coreano, cinese è come entrare in un altro pianeta. Sono alieni e mi fanno volare nello spazio, sono sempre esperienze entusiasmanti e molto stimolanti per la mia creatività. Recentemente ho visto in dvd un film che consiglio a tutti, è un western tailandese diretto da Wisit Sasanatieng, Tears of Black Tiger, Magnifico!”.

Only God Forgives è dedicato ad Alejandro Jodorowsky, come mai questa scelta? “Perché il suo cinema – ci dice Nicolas Winding Refn – ma direi in generale lui come uomo, è l’essere umano che più mi ha influenzato nella vita e credo che abbia influenzato milioni di registi nel mondo, solo che non lo hanno mai riconosciuto”.

Quanta libertà le ha concesso il successo di Drive per arrivare a fare un film così ‘estremo’ – nel senso migliore del termine – come Only God Forgives? “Molta, ovviamente. Devo dire però che dall’inizio della mia carriera mi sono sempre sentito libero a livello creativo. Sono decisamente fortunato. Ma non solo, perché la libertà creativa te la devi prendere, è come scendere in guerra! Quindi sai già che per averla non avrai i budget che hanno altri film. A mio avviso non ti devi svendere mai, nella maniera più assoluta: la tua creatività”.

Lei ha un aspetto molto dolce, pacifico, mentre i suoi film sono ferocissimi … “Non so bene perché alla fine racconto sempre mondi maschili e violenti, anche perché amo molto di più le donne, amo molto di più la femminilità che l’essere uomo. Ma sono un uomo e, probabilmente, ancora non capace di raccontare le donne anche se, in Only God Forgives, il personaggio di Crystal magistralmente interpretato da quell’attrice così brava e così sexy che è Kristin Scott Thomas è una madre a dir poco interessante. E’ una strega, è ambigua, è spietata e ama i suoi due figli in maniera morbosa. Un personaggio, a dir poco, stratificato”.

Quando aveva 24anni è stato espulso da una scuola di cinema in America perché ha sfasciato contro il muro una scrivania, quindi sotto questo viso pulito c’è un ribelle… “Lo spero! – ride Nicolas Winding Refn – Ovviamente con l’età, crescendo, diventando padre, sono maturato, sono diventato molto, molto, meno arrogante di quando ero giovane e quindi più intelligente. Ma io ho un radicato odio nei confronti di qualsiasi autorità. Ho un’attitudine punk alla vita e la voglia di sfasciare la scrivania è rimasta dentro di me e mi auguro non se ne vada mai, perché, è la mia salvezza!”.

Prossimamente Refn sarà impegnato nella realizzazione della serie tv, Barbarella, e poi dice: “Vorrei fare prima un horror e poi una commedia”.

Vi ricordiamo che Solo Dio Perdona - questo è il titolo italiano - arriverà nei nostri cinema il 30 maggio 2013 per 01 Distribution!

Scritto da Nicoletta Gemmi
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA