questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Shia LaBeouf, vi divertirete con il mio Sam Witwicky!

Attualità, Interviste

21/06/2011

Ci ha tenuto a precisarlo agli MTV Movie Awards Shia LaBeouf che, non farà un Transformers 4, anche se ha precisato che questo capitolo del franchise degli Autobot e dei Decepticon: “E’ il film che vanta l'azione migliore e la sceneggiatura più solida dei tre. Ma non tornerò per farne un altro. E penso che anche Mike (Michael Bay, il regista ndr.) non tornerà. E' una proprietà importante, specialmente ora che esce il terzo. Per cui immagino che prima o poi faranno un reboot con qualcun altro”.

Indubbiamente gli effetti speciali in questo terzo film, il 3D, i robottoni, la nuova bellissima di turno Rosie Huntington-Whiteley (che ha sostituito Megan Fox) sono tutti fattori che attireranno il pubblico verso Transformers – Dark of the Moon ma, è fuori discussione, che l’anima della saga è il giovane Sam Witwicky interpretato da Shia LaBeouf. In occasione del lancio del film che uscirà in day and date in Italia e Usa, il 29 giugno per Universal Pictures, Shia ha rilasciato varie interviste parlando di sé, della sua famiglia e del suo unico grande amore: il cinema.

In molti sapranno che Shia LaBeouf impersona un po’ il sogno americano. Da quando era bambino voleva fare l’attore, è riuscito ad entrare nella scuderia Disney a 12 anni e da allora non si è più fermato. Ma la sua vita non è stata rosa e fiori. Cresciuto nel sobborgo di Echo Park a Los Angeles, la madre di Shia è una ex-ballerina che quando lui era piccolo vendeva collanine sulle spiagge per arrotondare. Il padre, reduce del Vietnam con problemi di tossicodipendenza, ha abbandonato la famiglia quando l’attore era molto piccolo. Normale che lo abbiano trovato al volante positivo ad alcool e droghe. In fondo è successo una volta ed è pure stato investito da un camion. Insomma ha pur sempre 25 anni! E appena compiuti dato che il suo compleanno è l’11 giugno.

“Ho accettato di fare questo terzo film sui Transformersha affermato l’attore – innanzitutto perché Michael Bay è un genio, ma soprattutto perché il copione era bellissimo. Nel secondo episodio avevamo forse perso di vista la prospettiva umana, che invece, torna in questo film. Sam, il mio personaggio, ha terminato il college, si è laureato in tecnologia ma è disoccupato. Ha una nuova compagna che è la sua vera alleata. Non è semplice girare questo genere di film dato che per la maggior parte del tempo hai davanti un muro blu e una palla da tennis, ti serve molta immaginazione per prevedere cosa ne verrà fuori. Però la storia questa volta c’è e ci sono oltre che grandi scene di azione e il miglior tridimensionale possibile, grandi attori come John Turturro, Josh Duhamel, Tyrese Gibson, John Malkovich, Frances McDormand, Ken Jeong, Patrick Dempsey”.

“Girare film come Transformerscontinua LaBeouf – mi ha dato la possibilità di mettermi alla prova e di potere continuare a farlo. Dopo il film di Bay ho girato The wettest county in the world, un dramma sul Proibizionismo con attori che adoro da sempre come Gary Oldman, oltre a Jessica Chastain, Tom Hardy su una sceneggiatura di Nick Cave e per la regia di John Hillcoat. E’ questo il tipo di film che prediligo. Ma non mi dimentico che se ho potuto girare con Oliver Stone, Wall Street 2, o film come Disturbia e Eagle Eye o l’ultimo Indiana Jones, lo devo molto alla saga dei Transformers”.

“Non giudico un film dal successo al botteghino. I film non cambiano il mondo ma quelli che ci provano sono i più difficili da vendere. Il vantaggio del mio lavoro – arrivati a questo punto – è la possibilità di scegliere. Riesco sempre a trovare ruoli che coincidono con i miei interessi del momento e questa è una bella fortuna e opportunità. Talmente importante che la voglio sfruttare al meglio. L’amore per il cinema è stato il rapporto più duraturo e costante della mia vita, ci convivo da 10 anni, il cinema è il mio miglior amico. Quando ami quello che fai diventi una persona migliore perché ti piace quello che fai. Dovrebbe essere un diritto di tutti ma non vanno così le cose... quindi cercherò sempre di meritarmi questo privilegio”.

Scritto da Nicoletta Gemmi
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA