questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Sergio Castellitto

Attualità

03/07/2007
SERGIO CASTELLITTO E' "O' PROFESSORE"

Oggi è la giornata di Sergio Castellitto e dell'anteprima di O' professore, la miniserie Mediaset diretta da Maurizio Zaccaro, prodotta da Grundy Italia e sceneggiata dalla "premiata coppia" Rulli-Petraglia. Il professore del titolo insegna in una scuola molto speciale e arriva a sfidare la criminalità organizzata pur di portare i suoi studenti alla fine dell'anno scolastico. Accanto a Castellitto, nei panni della moglie Manuela, Luisa Ranieri, e poi Donatella Finocchiaro, Peppe Lanzetta e Antonio Catania.

Castellitto, chi è Pietro, il suo personaggio in O' professore?
Pietro è un insegnante, un "acchiappatore nella segale", per fare una citazione alta, di J. D. Salinger. Con gli altri suoi colleghi professori "acchiappa" i ragazzi che sono sull'orlo del baratro lavorando in un istituto molto speciale che si trova a Napoli, in un territorio dove si registra il 40% di dispersione scolastica. Ciò significa che moltissimi giovani, piuttosto che andare a scuola, passano il tempo a rubare, a spacciare droga o a commettere altri crimini. Nel film c'è un percorso pedagogico che coinvolge questi ragazzi per convincerli a frequentare la scuola, ma anche e soprattutto un percorso emotivo ed emozionale.

La miniserie è ambientata e girata a Napoli, una città che ha vissuto e vive momenti di tragica emergenza.
Abbiamo girato per quattro settimane nel Rione Sanità, nell'ottobre e novembre scorso, in un periodo drammatico per quei luoghi, visto che si era appena scatenata l'ennesima guerra tra cosche. Mentre giravamo abbiamo vissuto momenti di tensione, perché sono avvenuti episodi di violenza solo a poche centinaia di metri dal nostro set.
Una città che è un laboratorio sociale del paese: se Napoli va male, l'Italia non può andare bene. E' incredibile, e terribile, che a solo un'ora e mezzo di distanza da Roma ci sia una città che è da terzo mondo, densa di una drammaticità che arriva ogni giorno anche a tutti noi che abitiamo in altri centri. 

Chi sono i ragazzi protagonisti della fiction. Da dove vengono?

Sono una decina di ragazzini napoletani, a cui Maurizio Zaccaro è arrivato dopo migliaia di provini. Alcuni di loro hanno già avuto piccole esperienze nel cinema o in tv, altri invece erano al debutto davanti alla telecamera, ma sono stati tutti eccezionali: il loro gruppo è sicuramente la forza di questo film. Tra questi, quello che spicca un po' di più nella storia è Davide, che vive un momento di forte conflitto con il professore, ma tutti hanno una zona di protagonismo. E' un gruppo incredibile e capace di dare forti emozioni. E' stato bellissimo lavorare con loro, anche per me che avevo già una certa esperienza di recitazione con i bambini, avendo fatto film come Il grande cocomero, ad esempio.

Cosa pensa di questa nuova manifestazione, che presenta i prodotti televisivi allo stesso modo dei grandi festival del cinema?
Penso che stia partendo con le migliori premesse, prima tra tutte un grande direttore di festival come Felice Laudadio, che ha guidato, e bene, tanti festival di cinema, e che sarà sicuramente capace di dare un senso e una qualità cinematografica anche a questa kermesse dedicata al piccolo schermo.
Scritto da ADMIN
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA