questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Sean ?il Selvaggio?: Into the Wild

15/09/2008
E’ il film più potente e coinvolgente visto alla Festa del Cinema di Roma, Into the Wild è la sorpresa, in un certo senso, ‘annunciata’ del Festival, frutto del talento visionario ed originale di Sean Penn. “Il mio film è un’opera contro l’assuefazione alla comodità. Un incitamento a cercare la libertà.” Spiega l’attore e regista accolto da un vero e proprio trionfo e che ipotizza seriamente un buon numero di candidature all’Oscar (miglior regia, sceneggiatura originale, fotografia, colonna sonora e attore protagonista quell’Emile Hirsch che è stato una vera e grande rivelazione per il pubblico romano.) Sei anni dopo La Promessa, Sean Penn torna alla regia per portare sullo schermo il libro di Jon Krakauer Nelle terre estreme. Un volume che racconta il desiderio di felicità e di verità di un ragazzo degli anni Novanta la cui storia vera è diventata emblematica per tanti giovani. Laureato da poco, e con un promettente futuro di fronte a sé, il ventiduenne Christopher McCandless sceglie di abbandonare la vita agiata della sua famiglia e di partire verso l'ignoto. Questa ricerca porterà Christopher dai campi di grano del South Dakota a un viaggio avventuroso e 'controcorrente' lungo il fiume Colorado, fino alla comune alternativa di Slab City, in California, e oltre. Sulla sua strada, incontrerà una serie di personaggi pittoreschi che vivono ai margini della società americana - uomini e donne che cambieranno radicalmente e per sempre la sua visione della vita, e che saranno a loro volta trasformati dall'incontro con lui. Alla fine, Christopher si metterà alla prova partendo da solo per le terre selvagge del Grande Nord. “Ho letto il libro tutto d’un fiato, prima di andare a letto.” Ricorda Sean Penn “Poi mi sono alzato, il giorno dopo, e mi sono messo subito al lavoro per potere acquisirne i diritti. Mi sembrava una storia indimenticabile e profondamente cinematografica, sia per i personaggi che per le ambientazioni, in tutti i sensi. Ha toccato, in me, le stesse corde che credo abbia toccato in quasi tutte le persone che lo hanno letto.” C’è voluto, però, quasi un decennio prima che Sean Penn riuscisse a realizzare l’adattamento cinematografico del libro, ma il passare del tempo non aveva alterato la passione per una storia che aveva così tanto appassionato il regista e attore americano “Quando mi sono seduto a scrivere la prima stesura erano trascorsi quasi dieci anni dalla sera in cui avevo letto il libro, e non l'ho dovuto neanche prendere nuovamente in mano per rileggerlo." racconta Penn “Prima della seconda stesura, però, ho voluto ripercorrere di persona le tappe del viaggio di Christopher McCandless, incontrando le persone che aveva conosciuto lungo la sua strada.” A quel punto Penn ha iniziato a cercare un attore che potesse incarnare l’idealismo e la determinazione del protagonista della sua storia e l’ha trovato in Emile Hirsch, che aveva visto in film come Lords of Dogtown e Alpha Dog. Il ruolo che veniva offerto, però, non richiedeva soltanto talento, ma anche una profonda dedizione “Sapevo che Emile era in grado di interpretare quel personaggio, ma il punto era se avrebbe saputo interpretarlo per otto mesi e nelle circostanze più difficili, e se sarebbe stato disposto a trasformarsi da ragazzo in uomo durante le riprese, e sullo schermo. Emile è stato straordinario. Si è ritrovato catapultato in una situazione in cui doveva fare rafting, arrampicate e un sacco di cose che non aveva mai fatto, e si è cimentato in ognuna di queste cose con entusiasmo, senza mai lamentarsi. Al tempo stesso, è riuscito a interpretare Chris in modo assolutamente credibile. Ha subito lui stesso una vera e propria trasformazione anche grazie alla volontà di emulare una persona come McCandless."
Into the Wild resta un film complesso da ogni punto di vista. Sia in termini tecnici sotto il profilo dell’ambizione artistica. Come è riuscito a realizzare un film così intenso? Sean Penn sorride: “Credo a testardaggine sia stata la mia migliore amica da quando ho iniziato a fare il regista…”

Scritto da ADMIN
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA