questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Scarpette Rosse i capolavori di Powell & Pressburger!

Attualità

16/02/2011

Esce il 22 febbraio, per la collana “Il Piacere del Cinema”, l’attesissima COLLEZIONE POWELL & PRESSBURGER, che raccoglie tre capolavori del cinema inglese in versione restaurata: Scarpette rosse, Narciso nero e Duello a Berlino. Con quasi venti titoli realizzati insieme, molti dei quali diventati dei classici, Michael Powell e Emeric Pressburger hanno formato una coppia leggendaria, destinata ad avere un’influenza profonda su molti registi a venire, da Scorsese a Coppola. Questa straordinaria collezione propone tre dei loro titoli più celebrati, esempi perfetti di un cinema di incredibile forza espressiva e narrativa, capace di mettere d’accordo critica e pubblico di tutto il mondo. Presentati in versione restaurata e rimasterizzata, i tre film rivivono finalmente nello splendore originario di un sensazionale Technicolor, permettendo di riscoprire il coraggio visionario e l’inesauribile creatività di due maestri della settima arte. In occasione dell’uscita, il curatore della collana, Vieri Razzini, presenterà il cofanetto al pubblico introducendo due proiezioni evento di Scarpette rosse, la prima a Roma il 22 febbraio (Casa del Cinema, ore 20.30, Largo Marcello Mastroianni 1), la seconda a Milano il 28 febbraio (Cinema Apollo, ore 21.30, Galleria De Cristoforis 3). Entrambe le proiezioni saranno ad ingresso gratuito.

SCARPETTE ROSSE
(The Red Shoes, Gb 1948, 133’) di Michael Powell, Emeric Pressburger con Anton Walbrook, Marius Goring, Moira Shearer, Ludmilla Tcherina, Léonide Massine

Titolo leggendario, grazie alla sua forza visionaria e a un folle romanticismo, Scarpette rosse è una delle vette assolute della produzione di Powell e Pressburger, e un’opera fondamentale sul tema del conflitto tra arte e vita. La giovane protagonista, Vicky Page (Shearer), è una ballerina che vede nella danza il senso della propria esistenza: portata al successo dal geniale e inflessibile impresario Lermontov (Walbrook), finisce tuttavia per innamorarsi del musicista della compagnia, Julian (Goring), e deve affrontare una drammatica scelta tra sentimenti e palcoscenico. Anche grazie al magnifico Technicolor di Jack Cardiff e a una scenografia mozzafiato (premiata con l’Oscar, come la musica), Scarpette rosse è un capolavoro riproposto in tutto il suo splendore nel prezioso restauro curato nel 2009 da Martin Scorsese e Thelma Schoonmaker.
Extra: Vieri Razzini sul film, trailer originale, galleria fotografica, bozzetti delle scenografie, immagini dietro le quinte

Nota sul restauro: Il restauro di Scarpette rosse è stato finanziato da Ucla Film & Television Archive, Film Foundation, Hollywood Foreign Press Association, British Film Institute, Louis B. Mayer Foundation, e curato da Martin Scorsese e Thelma Schoonmaker, montatrice di fiducia del regista nonché moglie di Michael Powell. Tale operazione, durata tre anni, dal 2006 al 2009, è avvenuta a partire dal negativo originale in nitrato (Technicolor 3 strisce), scansionato fotogramma per fotogramma in 4k e quindi restaurato digitalmente presso i laboratori della Warner Bros.

NARCISO NERO
(Black Narcissus, Gb 1947, 101’) di Michael Powell, Emeric Pressburger con Deborah Kerr, Sabu, Jean Simmons, David Farrar, Flora Robson, Kathleen Byron

Un gruppo di giovani monache, guidate dalla volitiva Sister Clodagh (Kerr), riceve l’incarico di creare un convento sulle cime dell’Himalaya, un luogo impervio e sospeso nel tempo. L’isolamento, il rapporto difficile con i nativi e con l’ufficiale inglese Dean (Farrar), portano alla ribalta pulsioni e ricordi prima sopiti nel cuore delle sorelle, fino a quando l’attrazione per Dean spingerà l’inquieta Sister Ruth (Byron) a infrangere ogni regola e a trascinare il convento nella follia e nella violenza. Powell e Pressburger mettono in scena con forza straordinaria la lotta perenne tra volontà idealistica e passioni terrene, affidandosi a un cast strepitoso guidato da Deborah Kerr. In sintonia con il temperamento visionario di Michael Powell, Jack Cardiff firma una fotografia superlativa, pietra miliare nell’uso espressivo del colore e premiata con l’Oscar.
Extra: Vieri Razzini sul film, trailer originale, galleria fotografica, immagini dietro le quinte.

DUELLO A BERLINO
(The Life and Death of Colonel Blimp, Gb 1943, 163’) di Michael Powell, Emeric Pressburger con Anton Walbrook, Deborah Kerr, Roger Livesey, Roland Culver, Harry Welchman

Capolavoro assoluto di Powell e Pressburger e loro primo film girato in Technicolor, Duello a Berlino racconta quarant’anni di storia d’Europa, dalla guerra Anglo-Boera al secondo conflitto mondiale, attraverso l’amicizia tra un ufficiale inglese, Clive Candy (Livesey) e uno tedesco, Theo Kretschmar-Schuldorff (Walbrook), che si ritrovano su fronti opposti a condividere la stessa idea di onore e integrità, nonché ad amare la stessa donna (Kerr). Ironico e commovente, spettacolare e ricco di personaggi indimenticabili, il film venne all’epoca osteggiato da Churchill in persona per il presunto antimilitarismo e circolò a lungo, anche in Italia, in edizioni tagliate e ridotte. La versione presentata in questo dvd è quella integrale come concepita all’epoca dai due autori, e restituisce il film al suo splendore originario.
Extra: Vieri Razzini sul film, Vieri Razzini su Powell e Pressburger, galleria fotografica.

Scritto da Nicoletta Gemmi
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA