questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Samantha Geimer racconta la violenza subita da Roman Polanski in un’autobiografia

Attualità

25/07/2013

Nel 1977 a soli 13 anni la giovane Samantha Geimer ha subito uno stupro dal regista Roman Polanski, accaduto a Los Angeles in casa del collega e amico Jack Nicholson. Ormai divenuta una donna di 35 anni, Samantha, ha deciso di raccontare tutto di quell'episodio e della sua vita in un'autobiografia dal titolo "The Girl: A life in the shadow of Roman Polanski". La foto della copertina ritrae una giovane Geimer, ed è risalente proprio al febbraio di quell'anno, la versione dichiarata dalla ragazza è il racconto di come sia stata invitata a casa di Nicholson per un servizio fotografico e di come si sia ritrovata drogata con alcolici e metadone. Il regista Polanski fu condannato ed esiliato dagli Stati Uniti, costretto a rifugiarsi tra la Francia e la Svizzera, fu arrestato ma mai consegnato alle autorità americane. Ne conseguì una causa civile, che si risolse con l'indennizzo da parte di Polanski di 500mila dollari da versare a Samantha. Una vicenda che nasconde molti lati oscuri e che nonostante sia archiviata da tempo non è mai stata chiarita fino in fondo. Il regista diede la sua personale visione dei fatti con un film documentario intitolato "Roman Polanski: A film memoir" del 2011.

Scritto da Sonia Serafini
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA