questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Ruggine di Daniele Gaglianone: i bambini protagonisti di una favola nera

Attualità

22/08/2011

Se Cose dell’altro mondo di Francesco Patierno dalla sola visione del trailer ha già scatenato polemiche anche il film di Daniele Gaglianone, Ruggine, è candidato alla stessa sorte. E ne è consapevole il regista, visto che il suo film parla – non solo – ma anche di pedofilia.

Sulla Repubblica annuncia: “La mia risposta è nel film – afferma il regista – prima va visto e poi giudicato. Fermarsi sulla pedofilia è riduttivo, il tema di Ruggine è soprattutto il confronto dei bambini con il Male e per loro il Male è quello assoluto, l’Orco delle Favole che è entrato nella loro realtà”.

“Il Male - continua Gaglianone – si presenta con un volto sorridente e gentile con l’eleganza del Dottor Boldrini, del quale soltanto i bambini nella loro ingenuità e nella mancanza di sovrastrutture riescono a vedere la vera natura, gli adulti si fermano all’apparenza, non vanno oltre”.

La Fandango - insieme alla Zaroff Film in collaborazione con RAI Cinema - ha prodotto la pellicola e nel cast troviamo attori di grande livello come: Filippo Timi, Stefano Accorsi, Valerio Mastandrea, Valeria Solarino e, Ruggine, arriverà nei cinema il giorno dopo la proiezione veneziana, il 2 settembre.

E a questo proposito Gaglianone ci tiene a precisare: “Sono molto grato a Filippo Timi che ha accettato di interpretare Boldrini superando la preoccupazione di una possibile identificazione con un personaggio così negativo. Ma anche affascinante, perché spesso il Male ha lo stesso fascino del Potere che attrae e seduce. Ruggine è anche un film su quanto costa combattere il Potere, per i tre protagonisti del film il costo è trent’anni di vita segnati da un malessere segreto e incancellabile”.

“I temi che ricorrono nel film e che sono legati al mio modo di fare cinema – conclude Gaglianone – in questo caso sono costituiti dal legame che si stabilisce tra i tre bambini che hanno vissuto un’esperienza così ‘straordinaria’, un’amicizia che, anche se la vita li separa, sarà per sempre. La violenza c’è, ma abbiamo scelto di evitare la crudezza, non siamo andati oltre la soglia”.

Scritto da Nicoletta Gemmi
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA