questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Roma: Capitale del cinema indipendente, giovane e internazionale!

Attualità

07/10/2010

Sono arrivati alla quinta edizione del Festival Internazionale del Film di Roma (28 ottobre – 5 novembre) e il Presidente della Fondazione Cinema per Roma, Gian Luigi Rondi, il Direttore Generale Francesca Via e il Direttore Artistico, Piera Detassis hanno presentato la manifestazione 2010. In più il Direttore del Mercato Internazionale del Film di Roma, Roberto Ciccutto, ha fatto il punto sulla situazione della produzione attuale.

Per quanto riguarda l’edizione di quest’anno possiamo dire che sarà un festival di cineasti giovani, indipendenti e poche grandi produzioni della Major. Roma, come città sarà presente ogni giorno, con pillole proiettate prima di ogni film su pellicole girate nella Capitale, come tanti saranno gli omaggi al grande Ugo Tognazzi, Suso Cecchi D’Amico, Akira Kurosawa e Satoshi Kon. Il focus sul mondo è, infatti, dedicato al Giappone. La madrina è Valeria Solarino e l’Acting Award sarà dato a Julianne Moore, il cui ultimo film The Kids Are All Right verrà proiettato Fuori Concorso. “Quello di cui ci siamo resi conto – ha affemato il Direttore Detassis – è che il Festival ringiovanisce ogni anno di più. Siamo arrivati al quinto anno e mai come ora presentiamo una serie di pellicole in concorso realizzate da cineasti che si aggirano quasi tutti come anno di nascita verso il 1964. Molte opere indipendenti, co-produzioni, anche tra i quattro film italiani in concorso. La scelta di premiare Julianne Moore è in linea con questa tendenza dato che è l’attrice per eccellenza che nella sua carriera ha unito grandi produzioni americane e tanto cinema indipendente. L’apertura è dedicata a Last Night, la cui regista Massy Tadjedin, ha 32 anni, e sarà accompagnata dai suoi interpreti Keira Knightley, Sam Worthington e Eva Mendes. Avremo la proiezione di The Social Network di David Fincher e ribadiamo che la presenza del cinema americano è molto forte: 7 film nella Selezione Ufficiale e 6 in Extra. Altro continente molto presente è l’Australia con sei film. Lo splendido Animal Kingdom e anche il primo film da regista del figlio di Ken Loach, Jim Loach con Oranges and Sunshine interpretato da Emily Watson che è ambientato in Australia.

Il focus sul Giappone, anche grazie al supporto della Lucky Red, ci ha permesso di creare una retrospettiva sul grandissimo regista di animazione Hayao Miyazaki. Verranno proposti moltissimi suoi film (Porco rosso arriverà anche nelle sale il 12 novembre) oltre a Arrietty, Fuori Concorso, di Hiromasa Yonebayashi, uno dei migliori allievi del Maestro dello Studio Ghibli. Per quanto riguarda l’Italia, posso dire che insieme ai miei collaboratori abbiamo pensato che il sottotitolo più adatto alla nostra produzione poteva essere: Fuga dall’Italia. Ma non per una connotazione politica piuttosto perché tre sui quattro film italiani in concorso sono co-produzioni e non parlano italiano. Quindi se dobbiamo fare il ‘solito’ e fondamentale discorso su quali temi legano queste produzioni possiamo sicuramente dire: il rapporto con lo straniero e il privato, la famiglia, che diventa fenomeno politico”.

Ovviamente il programma non è vasto è vastissimo anche perché coinvolge anche tante altre entità oltre all’Auditorium di Roma dove si svolgeranno proiezioni e incontri. Sul sito del Festival troverete tutto quello che succederà in questi otto giorni. Ci teniamo però a segnalare alcuni film ed eventi. In concorso: In a Better World di Susanne Bier, Last Night di Massy Tadjedin, La scuola è finita di Valerio Jalongo, Oranges e Sunshine di Jim Loach, Rabbit Hole di John Cameron Mitchell interpretato e prodotto da Nicole Kidman (che non sarà presente al festival) insieme ad Aaron Eckhart (che verrà) e Diane Wiest oltre ad Una vita tranquilla di Claudio Cupellini con un magnifico - più del solito, recita anche in un perfetto tedesco – Toni Servillo.

Fuori concorso imperdibile il pilot della serie tv by Martin Scorsese Boardwalk Empire, il film Animal Kingdom, Crime d’amour di Alain Courneau, Il padre e lo straniero di Ricky Tognazzi, The Kids Are All Right di Lisa Cholodenko e il remake americano di Lasciami entrare (dopo Twilight ritornano i vampiri ma questi sono molto più crudeli) con Let Me In, protagonista il fantastico e giovanissimo Kodi Smith-McPhee. Da non dimenticare We Want Sex di Nigel Cole con la fantastica Sally Hawkins.

Per gli Eventi Speciali dopo la proiezione di My name is Khan la superstar di Bollywood Shah Rukh Khan incontrerà il pubblico, Olivier Assayas presenterà la versione cinematografica del suo Carlos e i famigliari di Benazir Bhutto saranno a Roma per il film Bhutto.

Le Winx in 3D apriranno la sezione Alice nella Città, dedicata ai ragazzi e sempre strabordante di titoli. Per i duetti avremo: Margherita Buy e Silvio Orlando e Giancarlo De Cataldo e Gabriele Salvatores. Tra le lezioni di cinema, Conversazioni con John Landis che parlerà anche del suo nuovo film Burke & Hare e Alexandre Rockwell e anche lui ha una novità in serbo: Pete Small is Dead.

Ricordiamo che la Giuria del Concorso è Presieduta da Sergio Castellitto e che ce ne sarà anche una per il Miglior Documentario, sezione Extra, Presieduta da Folco Quilici. Oltre ai vari Premi ricordiamo che quest’anno Mario Monicelli consegnerà il Premio Marc’Aurelio alla Memoria di Suso Cecchi D’Amico e che è stato istituito una nuova onoreficenza Il Premio Marc’Aurelio Esordienti.

Seguiteci, abbiamo aperto lo speciale Festival Internazionale del Film di Roma, e vi rimandiamo all’esaustivo sito:

VAI AL SITO DEL FESTIVAL

Scritto da Nicoletta Gemmi
Tag: roma 2010
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA