questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Le rockstar al cinema: da Jim Morrison a Stacee Jaxx

Attualità

12/06/2012

Stacee Jaxx, incarnazione di Tom Cruise in Rock of Ages è solo l’ultima grande Rockstar ad arrivare sullo schermo in maniera interessante e importante, grazie all’impressionante talento dell’attore americano.

 

Prima di lui sono molti gli attori e le attrici che si sono cimentati con chitarre e concerti per il grande schermo. E se ‘inventare’ un rocker è una cosa complicata, ma di grandissimo impatto come hanno dimostrato Bill Nighy prima in Still Crazy eppoi in Love Actually oppure Billy Crudup e Jason Lee in Almost Famous (prima foto) di Cameron Crowe, altra cosa è diventare un’incarnazione cinematografico di un moderno mito. In questo senso se Val Kilmer è stato un perfetto Jim Morrison in Doors di Oliver Stone, il giovane Bob Dylan è stato interpretato in maniera originale e problematica da Hayden Christenses in Factoy Girl, mentre varie incarnazioni del poeta di Blowin’ in the wind sono state portate sullo schermo da Cate Blanchett e altri nel visionario Io non sono qui diretto da Todd Haynes.


Se da non dimenticare è il grande Johnny Cash portato sullo schermo con grinta e un buon grado di introspezione da Joaquin Phoenix in Quando l’amore brucia l’anima di James Mangold, certamente di grandissima rilevanza è un altro film di Todd Haynes interpretato da tre attori che avrebbero fatto parlare di loro negli anni successivi: Velvet Goldmine (seconda foto) propone, infatti Ewan McGregor, Christian Bale e Jonathan Rhys Meyers in una ricostruzione particolarmente brillante degli anni Ottanta. Epoca d’oro per il rock raccontata anche da Anton Corbjn che in Control affronta la biografia di Ian Curtis, l,ead singer dei Joy Division. suicida poco più che ventenne.


Se indimenticabili sono Jack Black e John Cusack rispettivamente in School of Rock e Alta Fedeltà (in cui Black interpreta l’amico del proprietario di dischi di un negozio di Chicago nella trasposizione di Stephen Frears, John Cameron Mitchell dirige se stesso in Hedwig – La Diva con qualcosa in più, mentre in Italia è stato Nanni Moreti a distribuire al cinema l’affascinante Once in cui il rock gioca un ruolo molto importante.

 

Se intrigante è il Sid & Nancy con Gary Oldman e Chloe Webb che ripercorre in maniera drammatica la fine di Sid Vicious bassista dei Sex Pistols, meno riusciti, ma comunque di qualche pregio sono La Bamba su Richie Valens e Great Balls of Fire in cui Dennis Quaid interpreta Jerry Lee Lewis.

 

Venendo ai cantanti che si peritano nella recitazione, la migliore interpretazione di Madonna è nel corto Rockstar diretto dal suo ex marito Guy Ritchie per la BMW in cui la cantante attualmente in tournée nel nostro paese interpreta una viziatissima arpia che l’autista portato sullo schermo da un giovanissimo Clive Owen sbatacchia e umilia davanti alla stampa Altri cameo indimenticabili sono quello di Billy Idol nei panni di se stesso in The Wedding Singer che ha lanciato la carriera di Adam Sandler al fianco di Drew Barrymore; di Elvis Costello sia nei due Austin Powers, che, soprattutto, in 200 sigarette e di Huey Lewis in Ritorno al futuro che boccia senza appello l’interpretazione che Michael J :Fox offre della sua Power of Love.


Film non particolarmente riusciti sul rock sono quelli che non sono riusciti ad andare oltre la leggenda e a comunicare qualcosa di particolarmente importante al pubblico. Su tutti: Stoned dedicato allo scomparso chitarrista degli Stones, Brian Jones che, per motivi di diritti, non ha nemmeno una canzone dei Rolling Stones nella sua colonna sonora: il deludente Rock Star con Mark Wahlberg: il deludente Last Days diretto da Gus Van Sant con Michael Pitt che prova a ripercorrere le orme di Kurt Cobain.


Per l’interessante Nowhere Boy dedicato alla gioventù di John Lennon da Sam Taylor Wood, terribile è Essere John Lennon interpretato per la televisione da Christopher Eccleston troppo vecchio per la parte che gli era stata proposta. Film di culto altrove, ma non in Italia This is Spinal Tap diretto da Rob Reiner.

Scritto da Marco Spagnoli
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA