questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Redford, De Niro, Hoffman al festival diToronto

Attualità, Eventi

28/07/2010

Con tempismo acrobatico - domani ci sarà la presentazione del Festival di Venezia - Cameron Bailey, co-direttore del TFF (Toronto Film Festival) ha dato ieri qualche anticipazione della 35a Edizione (dal 9 al 19 settembre 2010). Da non confondere, ancora, si è affrettato a precisare, per certezze. È ancora troppo presto, si è scusato, per le conferme. Comunque le anticipazioni, per quanto chiaramente mirate a ridimensionare gli annunci in arrivo da Venezia, sono decisamente notevoli. Robert De Niro, Dustin Hoffman, Ben Affleck, Nicole Kidman, Marion Cotillard, Ewan McGregor e Ryan Reynolds, sono alcuni dei nomi dati per 'probabili'. Numero ridotto di pellicole «Per colpa della crisi», spiega Bailey - alcuni Paesi hanno inviato meno film degli anni precedenti o li hanno prodotti con budget ridotti». Ma resta altissima la qualità. Come The Conspirator, la pellicola firmata da Robert Redford (nella foto a sinistra sul set) e incentrata sulla storia di una donna accusata di aver aiutato il figlio ad assassinare Lincoln con James McAvoy e Robin Wright. Ma ci sarà anche la commedia di Woody Allen You will Meet a Tall Dark Stranger con Anthony Hopkins, Josh Brolin e Naomi Watts. Black Swan di Darren Aronofsky, dopo l'apertura del Festival di Venezia approderà a Toronto. Nicole Kidman è attesa per la presentazione di Rabbit Hole, in cui interpreta il ruolo di una madre disperata per la morte del figlio.  Keanu Reeves accompagnerà Henry Crime di Malcolm Venville, dove interpreta il ruolo di un uomo imprigionato ingiustamente. Edward Norton e Robert De Niro nel thriller, anche questo carcerario, diretto da John Curran "Stone"; e  Ben Affleck, regista e protagonista del noir The Town.
Grande attesa per il debutto nordamericano della co-produzione Italia-Canada della Barney’s Version, adattamento dell’omonimo bestseller di Mordecai Richler. Paul Giamatti sarà il protagonista, mentre Hoffman interpreterà i panni del padre Izzy. Il regista, Robert Lantos (che ha firmato pellicole come Eastern Promises e Men with Brooms), ha detto di aver speso 12 anni a pensare alla trasposizione cinematografica del libro. Altro film 'segnalato' da Barney Trust di David Schwimmer, "una pellicola coraggiosa che racconta quello che può succedere dentro una famiglia". Altri film con radici canadesi, sono The Bang Bang Club, una produzione Canada-Sudafrica con Ryan Phillipe, e Casino Jack con Kevin Spacey. Nicole Kidman, invece, dovrebbe venire a pubblicizzare Rabbit Hole, girato al fianco di e incentrato sulla storia di due genitori devastati dalla perdita del figlio.

Sul versante europeo niente Italia, almeno per ora. Invece è confermata una massiccia presenza di film francofoni. A cominciare, nella sezione ufficiale, con l'anteprima mondiale di Les petits mouchoirs, terzo lungometraggio di Guillaume Canet interpretato da Marion Cotillard, François Cluzet, Benoît Magimel, Gilles Lellouche. Mentre nella sezione 'Special Presentions' verrà proiettato L'homme qui voulait vivre sa vie di Eric Lartigau (prima mondiale) adattato da un romanzo di Douglas Kennedy e interpretato da Romain Duris, Marina Foïs, Niels Arestrup e Catherine Deneuve.

Sempre in prima mondiale verrà presentato il documentario L'Amour Fou di Pierre Thoretton, dedicato a Yves Saint Laurent e Pierre Bergé. Altri titoli francesi Crime d’amour di Alain Corneau, L’illusionniste di Sylvain Chomet, Miral di Julian Schnabel (che sarà presentato in prima mondiale a Venezia), Hors-la–loi di Rachid Bouchareb e Un homme qui crie di Mahamat-Saleh Haroun. Infine, nella sezione Masters sarà proiettato in prima mondiale Les mystères de Lisbonne di Raoul Ruiz, coproduzione tra Portogallo e Francia.

 

Scritto da Piero Cinelli
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA