questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Recensione Paranormal Activity

Attualità, Recensioni

05/02/2010

Sbarcato sull'onda di un successo americano clamoroso e con il patentino di caso cinematografico dell'anno - visto il risultato ed il costo di partenza pari a 15mila dollari, che lo piazza direttamente nel genere film 'fatto in casa' - i fenomeni paranormali sono da individuare non tanto all'interno della pellicola, dove francamente hanno lasciato solo qualche flebile traccia, quanto all'esterno, nell'abilissima montatura del caso, nella promozione e distribuzione, modello Blair Witch Project, di cui ha riprodotto il cosiddetto marketing virale. Insomma siamo di fronte ad un piccolo caso mediatico montato ad arte per spingere un prodotto cinematografico molto modesto, soprattutto se paragonato alla promozione. E forse è proprio questo aspetto a giocare negativamente come un boomerang, rendendo il film ancora più monotono e piatto, rispetto alle aspettative create dalla grancassa pubblicitaria. L'idea del film è buona, non particolarmente originale, e fa tenerezza la notizia, se è vera, che è stato girato a casa del regista tuttofare ed interpretato dalla fidanzata e dall'amico. Ma poi la ripresa dei fantasmi casalinghi con telecamere sempre accese durante la notte diventa una specie di tormento, non di paura ma di noia, visto che non succede nulla o quasi. Solo il finale, ma proprio sul fotofinish, da una parvenza di cinema. Ma sono passati circa 85 minuti. Ed ormai di paranormale ci sono solo gli spettatori.

Scritto da Piero Cinelli
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA