questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Raoul Bova, infiltrato tra gli Sbirri

03/04/2009

E' una operazione molto particolare Sbrirri per la regia di Roberto Burchielli prodotto e interpretato da Raoul Bova, insieme alla moglie Chiara Giordano. Un film che mescola fiction e realtà, raccontando la storia di Matteo Gatti, giornalista reporter sempre in giro per il mondo, al quale capita la tragedia di perdere un figlio. Sua moglie Sveva è incinta e il ragazzo di 16anni gli chiede il permesso di andare con gli amici a Milano per partecipare ad una serata in discoteca e lì prende una pastiglia di ecstasy, che causa il suo decesso. Da quel momento la famiglia Gatti è devastata e i due genitori si dividono. Matteo parte per Milano e chiede all'Unità Operativa Criminalità Diffusa di unirsi a loro, in incognito, insieme al suo cameraman per documentare il loro lavoro. E qui inizia la parte documentaristica perché tutte le operazioni della squadra inserite nel film sono vere. Raoul Bova, per potervi partecipare, si è, infatti, camuffato ed ha vissuto per un intero mese con il nucleo speciale di polizia partecipando alle azioni dell'antidroga, agli arresti, agli interrogatori, che dunque sono autentici e vissuti in presa diretta. La forza di Sbirri è nel suo linguaggio innovativo, che inserisce nella realtà documentata l'improvvisazione da parte degli interpreti che, senza copione, raccontano i sentimenti dei loro personaggi. Il pubblico diventa, così, partecipe di un viaggio informativo, educativo ed emozionante. Un work in progress che oltre a mostrare la situazione del consumo e spaccio di droga in una città come Milano, ci fa vivere con un uomo devastato dal senso di colpa che, intraprende questo viaggio, anche per capire cosa è successo al figlio, trovare un colpevole e analizzare dove lui ha sbagliato.

 

 

Scritto da ADMIN
Tag: sbirri
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA