questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Polanski presenta il documentario sulla sua vita

Attualità, Personaggi

28/09/2011

Tornato a Zurigo (la città che due anni fa gli è costata la prigione) per ritirare finalmente quel Premio alla Carriera nell'ambito della stessa manifestazione (Zurich Film Festival) Roman Polanski, accompagnato dalla figlia Morgana, e dagli amici Sean Penn e Nastassja Kinski, ha presentato il documentario Roman Polanski: A Film Memoir diretto da Laurent Bouzereau e prodotto da due dei suoi amici più intimi, Andrew Braunsberg e Luca Barbareschi, girato a Gstaad, nello chalet dove ha scontato un anno agli arresti domiciliari, dove in una lunga conversazione con il produttore Braunsberg, ripercorre attraverso documenti, testimonianze e filmati la sua vita, a cominciare dalla drammatica testimonianza del suo Olocausto, vissuto sulla sua pelle e sulla sua famiglia nel ghetto di Varsavia dove ha trascorso gli anni della sua infanzia, e poi la sua carriera artistica, l'America, Hollywood, e il drammatico incidente di percorso, avvenuto esattamente trentatre anni fa, con la violenza, ancora una volta confessata, nei confronti dell'allora tredicenne Samantha Geimer. E la fuga in Europa, dove vive da allora. E la condanna per stupro che ancora pende sulla sua testa, come un macigno. Il regista ha colto l'occasione del festival per scusarsi pubblicamente con la Geimer (con la quale ha concordato una ventina di anni fa un 'risarcimento') e con i suoi ammiratori di questa sua azione.
Roman Polansky: A Film Memoir sarà distribuito in Italia da Barbareschi, che lo farà uscire a gennaio anche al cinema. "E' una sorta di seduta psicanalitica - ha commentato Barbareschi - grandezze e miserie di una persona eccezionale. Sono felice per Roman, perché insieme al successo di Carnage sarà un modo per riprendere la carica."

Scritto da Piero Cinelli
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA