questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Pirati dei Caraibi: Ai confini della Lucasfilm

30/05/2007

Chi avrebbe pensato che un volo di un'ora da Los Angeles a San Francisco avrebbe dato vita ad avventure d'alto mare, con tanto di pirati, mostri oceanici? Per il pluripremiato team della ILM, si trattava di un lavoro come un altro. Ed eccoli spargere la loro polvere magica su Pirati dei Caraibi: Ai confini del mondo, l'ultimo episodio della saga, posizionandola come IL film d'azione più cinematografico dell'estate.
 
Responsabile di quasi Quattro decadi di stregoneria cinematografica, la Lucasfilm Entertainment, Ltd./Industrial Light & Magic ha dato vita a molti dei film più inoconografici del mondo. E.T. alla fine è tornato a casa, e Indiana Jones è sopravvissuto a molte trappole mortali con l'aiuto del loro buon senso negli effetti speciali – per non menzionare lo Jedi e le creature dello spazio che si sono conquistate il loro posto nella storia della cinematografia. Comunemente noto come ILM, il campus di San Francisco ostenta una artistica struttura per gli effetti e un gruppo impareggiabile di professionisti nella creatività – provenienti da più di 18 paesi diversi – le cui esperienza e innovazioni tecniche hanno reso Pirati dei Caraibi: Ai confini del mondo uno dei film più attesi di tutti i tempi.

"La parte veramente divertente è che è stato completamente diverso da tutto quello cui ho lavorato fino ad oggi" – ha commentato John Knoll, Supervisore degli Effetti Visivi del franchise Pirati dei Caraibi, in occasione di una presentazione ai media alla fine di Aprile presso la splendida struttura dell'ILM. Guardando indietro al secondo episodio, Knoll – il quale, con suo fratello, ha creato nel 1987 la ben nota applicazione per il computer Photoshop – era particolarmente orgoglioso degli effetti che permettevano ai personaggi di trasformarsi in scheletri in alcuni momenti del film.

Scritto da ADMIN
VOTO
 

LA PROSSIMA SETTIMANA