questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Pianeta Cina

05/09/2006

E' arrivato il primo film italiano in concorso. E le attese non sono state vane. La stella che non c'è di Gianni Amelio, interpretato da uno straordinario Sergio Castellitto e dall'esordiente Tai Ling, è un viaggio alla ricerca di una forza morale che stiamo perdendo in un Paese troppo grande da definire. Grandi applausi in sala e in conferenza stampa per autore e interpreti. Il film arriverà nelle sale l'8 settembre, distribuito da 01 Distribution, in 250 copie.

Vincenzo Buonavolontà (Sergio Castellitto), ex operaio, è responsabile della manutenzione dell'impianto siderurgico, dismesso, di Bagnoli. Viene incaricato della vendita di un altoforno in disarmo ai cinesi. Quando si rende conto che l'impianto è difettoso e, in passato, ha provocato la morte di un operaio, l'uomo parte per la Cina alla ricerca della macchina da riparare. Il suo sarà un lungo viaggio, con la sola compagnia di una giovane studentessa di italiano, lungo il fiume Azzurro, fino alla Mongolia meridionale. La Cina, vista dall'interno, è una terra mai vista, dove Vincenzo si perde e si ritrova. Gianni Amelio torna in concorso a Venezia a due anni da Le chiavi di casa. La stella che non c'è è liberamente ispirato al romanzo La dismissione di Ermanno Rea (edizioni Rizzoli). La pellicola è stata girata tra Genova e la Cina, fotografata magnificamente da Luca Bigazzi.

Scritto da ADMIN
VOTO
 

LA PROSSIMA SETTIMANA