questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Paolo Virzì parla del suo Festival di Torino

Attualità

29/10/2013

Paolo Virzì, si sta preparando alla sua prima edizione del Torino Film Festival come Direttore. Il regista che oramai da anni dipinge la commedia italiana con storie profonde, ha un grand spassato torinese, legato fin dall'infanzia alla città, sin da quando con la famiglia lo porto a vivere lì.
Ancora top secret il programma della rassegna, ma il Direttore svela che sarà molto popolare, e che la madrina sarà la comica Luciana Littizzetto, si sa che la pellicola di apertura è la road movie "Last Vegas" di Jon Turteltaub, con un cast internazionale di vecchie glorie che si divertono ad un addio al celibato un po' più maturo di "Una notte da leoni". Il Direttore ha dichiarato: "Il vero pericolo non sono i film brutti, ma quelli della categoria più subdola: i film falsi belli. Ecco quelli a Torino non li ho mai visti, credo che il merito sia del pubblico, lo zoccolo duro sono studenti, lavoratori, intere famiglie torinesi che prenotano le ferie apposta. Ho pensato alla mia platea ideale, quella a cui penso quando faccio un film: mia madre, mio fratello, gli amici del liceo, Laura Merana, la mia maestra. Il festival è un grande film che dura nove giorni e allora ho fatto lo stesso: ho tenuto in mente la platea dei torinesi, questo popolo così particolare. "Un Festival con una sua identità, differente dalle realtà di Venezia e Roma, che riesca a mantenersi alla portata di tutti e per tutti: "Qui non c’è parata, non ci sono potenti da glorificare o perditempo che smaniano di imbucarsi al party vip. Questa è una città anche burbera ma concreta, che affonda le radici in cose come il lavoro., la fabbrica, ma anche la passione per la politica, per la filosofia e per il calcio." Ad attenderci anche una retrospettiva sui miti di Hollywood e la sezione Europa.

Scritto da Sonia Serafini
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA