questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Oblivion vince ma gli incassi non brillano

Attualità, Box Office

15/04/2013

Come preannunciato dall'esordio di giovedì scorso è Oblivion, il fantathriller con Tom Cruise protagonista, il vincitore del box office del week end. La pellicola diretta da Joseph Kosinski ha mantenuto le promesse realizando 1,5 milioni di euro ad una solida media per sala superiore ai 3mila euro. Il problema è che Oblivion è l'unico titolo ad aver superato la soglia del milione di euro nel week end, e tutti gli altri seguono a enormi distanze. E' l'effetto sicuramente del bel tempo che però ha coinciso con un'offerta, quella appunto del giovedì scorso, abnorme quantitativamente e modestissima dal punto di vista qualitativo. Ci riferiamo ovviamente alle potenzialità commerciali che laddove ce ne fossero state non hanno potuto minimamente esprimersi in un affollamento del genere. A parte Oblivion, naturalmente, che grazie ad un budget e ad un cast 'stellare' ha goduto di una visibilità e di una attenzione al di fuori della mischia.

In seconda posizione tiene molto bene (-41% rispetto allo scroso week end) il teen controtendenza Bianca come il Latte, Rossa come il sangue, che ha incassato 693mila euro per un totale di  2.1 milioni in undici giorni.  In terza posizione un altro esordiente, la pellicola Ci Vediamo Domani con Enrico Brignano nel ruolo di un impresario delle pompe funebri, la migliore del gruppone di sette pellicole italiane esordienti, con 627mila euro ed una media per sala non entusiasmante, inferiore ai 2mila euro. Seguono in sequenza ben quattro titoli già in programmazione, a cominciare da Come un tuono, quarto con 423mila euro ed un totale di 1,5 milioni in undici giorni, seguito dalle due pellicole che hanno dominato gli incassi delle settimane scorse e che non mollano la metà classifica ovvero la commedia Benvenuto Presidente quinta con 412mila euro ed un totale di 7,9 milioni, seguita da I Croods, con 406mila euro e che supera i 10 milioni complessivi ed infine in settima posizione Il cacciatore di giganti, arrivato a quota 2,5 milioni. Il cartone esordiente Le avventure di Taddeo è ottavo con 142mila euro (ed una media disastrosa di 464 euro), seguito dal noir scandinavo ditretto da Lasse Hallstrom L'ipnotista con 137mila euro ed una media decisamente scarsa appena superiore ai mille euro per schermo.

Si ferma in quattordicesima posizione il blockbuster padano 11 Settembre 1683, che sogna lo scontro di civiltà, incassando 75mila euro (media inferiore ai mille euro per copia, seguito dallìaltro esordiente Ghost Academy con 73mila euro ed una media, questa volta discreta di 2.300 euro per copia. Il film di Pappi Corsicato Il volto di un'altra è sedicesimo con 72mila euro ed una media di 695 euro per copia, un pò meglio (si fa per dire) l'esordio di Luigi Lo Cascio con La città ideale, diciottesimo con 39mila euro ed una media di 1.500 euro per copia.

Complessivamente gli incassi hanno registrato una flessione del 30% rispetto allo scorso week end che non era stato nemmeno particolarmente brillante. 

Scritto da Piero Cinelli
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA