questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Non è un Paese per Eroi. Gabriele Muccino produce Io Ricordo

04/11/2008

"Vado molto fiero di Io Ricordo, perché è un documentario in grado di risvegliare storie che, forse, abbiamo dimenticato. Siamo colpevoli di questa dimenticanza che trovo imperdonabile in un paese che vuole diventare migliore. Questo documentario aiuta ad 'aiutare e arrabbiarsi'. Una condizione necessaria. Guardando Io Ricordo ci si sente parte di una memoria collettiva e si resta dispiaciuti per l'ignoranza rispettto a molte delle storie raccontate." Così il produttore Gabriele Muccino parla di Io Ricordo, documentario realizzato attraverso la sua società Indiana, che intervista i famigliari delle vittime della Mafia. Diretto da Ruggero Gabbai, Io Ricordo fa parte di un progetto portato avanti dalla Fondazione Progetto Legalità in memoria di Paolo Borsellino (www.progettolegalita.it) per parlare di Mafia a scuola e alle famiglie attraverso il cinema. "Di Mafia si parla sempre più, ma se ne sa davvero ancora troppo poco."

Spiega Muccino "Quello della Mafia è un argomento così importante che il nostro lavoro appare come poca cosa. Per questo ho voluto produrre questo documentario. Fino agli anni Ottanta si diceva che la Mafia non esistesse qualcosa è cambiato, ma noi dobbiamo fronteggiare la mancanza di educazione civica, portando avanti la memoria delle vittime. La Mafia non riguarda solo la Sicilia, ma tutto il paese e mette in pericolo non solo la società, ma anche il futuro dei nostri figli. Non ci sono solo gli omicidi visibili, ma anche quelli che delle discariche tossiche, dell'economia inquinata, dei superstiti abbandonati dallo Stato nella solitudine e nel vuoto. Io ricordo ci mostra quanto sia imperdonabile non ricordare e grave non sapere. Al tempo stesso, però, ci mostra come il nostro sia anche un paese di eroi e quanta nobiltà e dignità questi eroi hanno dimostrato. Ci sono ancora oggi famiglie che si addormentano a distanza di due decenni con il dolore di morti insensate e per una giustizia che non hanno mai visto.

Scritto da ADMIN
VOTO
 

LA PROSSIMA SETTIMANA