questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Noah, una esemplare campagna virale

Attualità, Trade

01/04/2014

Dopo lo strepitoso debutto in Usa ed in altri territori dello scorso week end con 44 milioni di dollari in nordamerica e 17 milioni in Russia (quarto esordio di sempre) la Paramount tira un sospiro di sollievo e mette un cero, si fa per dire, alla Bibbia.
Questa settimana Noah uscirà anche in Europa ed in particolare in Italia, dove la stragrande maggioranza del pubblico è di religione cattolica, un target che si è dimostrato particolarmente interessato a vedere il film, come testimoniano gli incassi americani, decisamente più alti in zone a maggioranza cattolica, o quelli di un territorio tradizionalmente cristiano ortodosso come la Russia, dove il film ha segnato il record di esordio di sempre per un non sequel. Non è stato un facile cammino per Paramount che dopo le controversie iniziali, alcune previste come quelle nei paesi di stretta osservanza di fede islamica (Noè è un profeta sia per i cattolici che per gli ebrei ed i mussulmani) ed una in particolare devastante proveniente da un gruppo conservatore cattolico che prima ancora di vedere il film ha lanciato un vero e proprio invito ai propri adepti a non andare a vederlo, considerandolo come un'atto di profanazione delle sacre scritture. Una specie di anatema che ha avuto un'eco incredibile, vista la delicatezza e l'importanza del progetto, e che avrebbe potuto nuocere pesantemente sul pubblico cattolico. Paramount ha reagito con estrema abilità prendendo la 'giusta distanza' dalla Bibbia, dichiarando che il film si ispira alle sacre scritture ma non è un adattamento letterale delle stesse, ed allo stesso tempo mostrando la pellicola alle varie associazioni cattoliche sparse nel mondo, ottenendo un pressoché unanime consenso sul piano del rispetto del personaggio dal punto di vista religioso.
Non secondario inoltre, in questa campagna virale, il blitz di Russell Crowe in Vaticano per incontrare Papa Francesco, in una campagna mai vista prima di tali proporzioni, di rassicurazione del pubblico di fede cattolica. Una campagna esemplare per chi si interessa di flussi di opinione pubblica.
Con il risultato ulteriore, come ricorda il VicePresidente della Paramount Rob Moore in un'intervista all'Hollywood Reporter, che la Bibbia non è mai stata così attuale.

Scritto da Piero Cinelli
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA