questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Niente corsa agli Oscar per This Must Be The Place

Attualità

06/12/2011

Addio alla possibilità di entrare in qualche categoria degli Oscar per il film di Paolo Sorrentino con Sean Penn This Must Be The Place. Così titolava ieri Dagospia e oggi ne arriva la conferma da e-duesse che ha parlato con Nicola Giuliano della Indigo Film (che ha co-prodotto la pellicola con Lucky Red e Medusa Film).

“Il produttore Harvey Weinstein non si accontenta di un taglio di 15/20 minuti e non presenta nelle sale americane il film di Sorrentino entro il 31 dicembre 2011, termine ultimo per Oscar e Golden Globes”. Quando uscirà negli States sapremo a quanto ammonteranno i tagli - pare che alla fine siano solo sei minuti – imposti dalla Weinstein Company che ha acquisito i diritti del film.

Pare che la decisione sia stata presa anche perché This Must Be The Place andrà al Sundance Film Festival di Robert Redford che si terrà come ogni anno nel mese di gennaio e che, quindi, non sia stato ritenuto opportuno farlo uscire nelle sale americane prima dell’inizio della manifestazione.

Ovviamente rimane un po’ di amarezza anche perché Weinstein ha fatto sapere che per la corsa agli Oscar e una candidatura di Sean Penn come Migliore Attore c’è sempre l’edizione del 2013... motivazione che non convince fino in fondo...

“In realtà non sfuma nulla, semplicemente il film di Sorrentino concorrerà l’anno prossimo. – ha affermato Nicola Giuliano - Purtroppo abbiamo chiuso troppo tardi l’accordo per la distribuzione di This Must Be the Place negli Usa con la Weinstein Company; puntavamo comunque a un’uscita tecnica per essere candidabili agli Oscar, ma Harvey Weinstein ci ha fatto capire che le sue campagne, molto accurate, hanno bisogno di molto tempo. E per quest’anno non ci sono i tempi per fare un’operazione con buone possibilità”.

Tuttavia un anno fa la stessa Weinstein Company distribuì Blue Valentine all'ultimo minuto disponibile pur di farlo concorrere agli Oscar: è evidente la strategia dipende anche da quanto si crede in un film, e lo stesso Giuliano spiega che quest'anno la compagnia si dedicherà completamente a My Week with Marilyn e The Artist.

Secondo il produttore, l'uscita a marzo dipende anche dalla premiere inglese: “La Trinity Film distribuirà il film a marzo; con 1.200 votanti inglesi all’Academy che assegna gli Oscar, rischiavamo di perdere completamente quel bacino di votanti. ...e non c'è alcun pericolo che uscendo così presto nel 2012 il film venga "dimenticato" dall'Academy quando si tratterà di scegliere i titoli per gli Oscar del 2013: Harvey Weinstein ci ha mostrato l’elenco dei film usciti in passato nei primi mesi dell’anno e che poi hanno partecipato agli Oscar l’anno dopo senza problemi. Che concorra adesso o l’anno prossimo, l’importante è avere le nostre chance. Per gli Usa, quando uscirà, sarà un film nuovo a tutti gli effetti”.

Scritto da Nicoletta Gemmi
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA