questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Michael Madsen, Danny Trejo e Mischa Burton a Roma per presentare Hope Lost

Attualità, Conferenze stampa

15/03/2014

Questa mattina i romani e i turisti che hanno pensato di passare un bel sabato di sole a Villa Borghese, hanno avuto una bella sorpresa. Alla Casa del Cinema sono arrivate le tre star hollywoodiane Michael Madsen, Mischa Burton e il celebre Danny Trejo che molti conosceranno soprattutto come il rude Machete. I produttori Andrea Iervolino, Cosetta Turco e Monika Bacardi hanno annunciato la fine delle riprese del loro secondo film girato in Italia con un cast internazionale, diretto da David Petrucci e intitolato Hope Lost. “Il nostro gruppo sta cercando di creare dei film adatti all’export” ha dichiarato Iervolino all’inizio della conferenza stampa.

Questo nuovo film si presenta come crime-thriller che si ispira al problema sociale molto attuale della prostituzione e dello sfruttamento di giovani donne provenienti soprattutto dai paesi dell’Est. Mischa Barton, indimenticabile protagonista della serie tv O.C., interpreta Sofia, una bella ragazza di 20 anni che lavora in fabbrica in un piccolo paese della Romania, sognando una vita diversa. Una notte conosce un ragazzo cha lavora in Italia come regista e le offre l’opportunità di andare con lui per iniziare una carriera nel mondo dello spettacolo, ma non tutto è come sembra. Sofia viene costretta a prostituirsi per la strada, fino a quando non conosce Alina ed Eva, in cui trova due amiche e alleate che possono farle trovare di nuovo la luce.

E’ il mio secondo film in Italia, il primo era un film prodotto da De Laurentis e mi piace molto lavorare qui” ha dichiarato una Mischa Barton elegante ed impeccabile con un vestito bianco e nero, continuando “Non posso fare paragoni tra la mia esperienza nella vita e quella del mio personaggio nel film. Sofia ha dei lati molto oscuri e difficili e questo è stato forse uno dei ruoli più difficili che ho interpretato fino ad oggi, quindi  è stata un’ esperienza molto bella ed importante che spero di poter ripetere”. Danny Trejo interpreta Marius, uno dei cattivi principali del film e ha dichiarato: “Voglio ringraziare la gente italiana che è meravigliosa. Ho passato soltanto tre giorni di riprese qui, ma spero di tornare e portare la mia famiglia per una bella vacanza. Il mio personaggio è totalmente cattivo, molto crudele, ma affronta degli argomenti attuali e appartenenti al mondo contemporaneo. Il regista mi ha permesso di affrontare nel profondo questo personaggio con le sue varie sfaccettature. Stare a Roma poi è stato bellissimo…ho passeggiato alle 3 del mattino ieri, sapendo di essere nella città più antica del mondo ed è stato meraviglioso”. 

Michael Madsen, protagonista della saga di Kill Bill di Quentin Tarantino, ha già partecipato al film prodotto da Iervolino e Bacardi pochi mesi fa, intitolato Sights of Death e di questa sua seconda esperienza ha detto: “Questo è il mio secondo film qui e ho portato la mia famiglia, sono molto felice dell’accoglienza. Per me come attore forse è facile aspettarsi questo tipo di accoglienza, ma ne sono grato. E’ stata una combinazione di vari elementi il mio lavoro su questo personaggio. Gira una voce nella mia famiglia che potrei avere sangue italiano. L’Italia è un bellissimo paese, con un’affascinane cultura e abbiamo lavorato insieme per il successo del film”. Hope Lost, girato interamente a Roma e provincia in un set blindato, sarà presentato al mercato di Cannes 2014 e uscirà in Italia nel prossimo autunno. I produttori hanno puntato sul giovane regista David Petrucci per dare una possibilità ad un giovane talento e quest’ultimo ha ringraziato per la grande opportunità e ha aggiunto che per scrivere questo soggetto ha passato del temo in Romania e si è documentato molto. “Il tema mi tocca molto. E ho provato a trasformare questo messaggio rendendolo adatto ad un film di genere, non per un cinema d’autore o drammatico”. Costato 2 milioni di euro e finanziato anche dal Ministero per i Beni e le Attività Culturali dato il tema sociale affrontato, Hope Lost è un “film importante per il mercato, ma anche per il tema poichè è bene parlare di questi temi sociali. Cerchiamo di mandare un messaggio importante” ha concluso Andrea Iervolino.

Scritto da Letizia Rogolino
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA