questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Meno Stato più Regione

24/10/2008

Intervista a Francesco Gesualdi
Da sempre legato al mondo dello spettacolo - ha ricoperto le cariche più importanti nelle aziende cinematografiche controllate dallo Stato - Francesco Gesualdi dal 2005 è Segretario Generale della Regione Lazio ed in questa veste fa parte del Consiglio d'Amministrazione dei due grandi festival della Capitale, il Roma Fiction Fest di cui è stato il promotore e del quale ha recentemente annunciato la creazione di una Fondazione con lo scopo di istituzionalizzarlo oltre a creare un centro di produzione, di formazione e di confronto per il mondo dell'audiovisivo, ed inoltre il Festival del Film di Roma.
Terza edizione Festival del film di Roma. ? cambiato il Presidente, è cambiato il nome: cosa è cambiato per voi?
Come è noto, una delle priorità della Regione Lazio è il supporto del settore audiovisivo. Ed il Festival di Roma è un pezzo della nostra politica sull'audiovisivo. In particolare quest'anno abbiamo chiesto e ottenuto che ci fosse una maggiore attenzione al mercato, perché riteniamo che Roma debba diventare uno snodo internazionale di primaria importanza per il mercato cinematografico. Ed il mercato di quest'anno dà segni di crescita rispetto alle edizioni precedenti.
Cinema e fiction fanno parte dello stesso progetto?
Dentro l'audiovisivo c'è il cinema e la televisione, oltre ai nuovi mezzi di comunicazione legati alla multimedialità ed ai nuovi supporti di diffusione delle immagini. La nostra è una posizione che si muove nel sostegno dell'industria, visto che l'audiovisivo è la seconda industria per numero di addetti (più di 100 mila) e per numero di aziende che operano nel nostro territorio. L'80% delle imprese che fanno cinema e televisione ha sede nel Lazio. Abbiamo messo in piedi una politica di sostegno attraverso fondi, attraverso la costituzione della Film Commission che da provinciale è diventata regionale, con forme di finanziamento sia al prodotto che all'impresa. Rafforzare il prodotto e le imprese si traduce in una ricaduta immediata e concreta in termini di occupazione e di fatturato. Inoltre attraverso cinema e Tv si promuove in modo efficace anche il territorio. Basti pensare al volano che hanno rappresentato le fiction per Sicilia, Piemonte e Umbria. Ed oltre Roma, che resterà sempre la città del cinema, vogliamo promuovere le altre bellezze del Lazio, tipo la Tuscia, il Frusinate o tutta la parte del litorale. E visto che quando ci sono più risorse aumenta anche la qualità del prodotto, dare più risorse all'audiovisivo significa anche sviluppare la cultura. La crescita di un Paese non è solo fatturato o Pil, è anche sviluppo culturale. La regione Lazio vuole fare sviluppo delle imprese ma anche crescita culturale.

Scritto da ADMIN
VOTO
 

LA PROSSIMA SETTIMANA