questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Medusa presenta il 2010-2011

Attualità, Eventi, Trade

06/07/2010

"Eterogeneità, commedie, autori, internazionalizzazione" sono le parole chiave del listino Medusa per i prossimi dodici mesi, presentato stamani alla Casa del Cinema di Roma da Carlo Rossella e Giampaolo Letta, rispettivamente Presidente e Amministratore Delegato di Medusa, braccio cinematografico di Mediaset. 27-28 titoli di cui 15 film italiani e 13 stranieri. Un investimento complessivo, in crescita, di 90 mln di euro, di cui 70 per l'acquisizione e produzione dei titoli italiani e 20 per i film stranieri, principalmente americani. A questi 90 mln vanno aggiunti altri 40 per le spese di marketing e pubblicità. Se le prime tre parole chiave formano un mantra già noto anche in passato, la quarta ovvero "internazionalizzazione" è una novità. Uno sguardo diverso al mercato nazionale ed internazionale con importanti accordi di coproduzione, a cominciare da Somewhere di Sofia Coppola, girato tra Milano e Los Angeles, dove la figlia del grande Francis Ford ritorna alle atmosfere rarefatte di Lost in Translation. Altro caso di felice scambio internazionale, quello di Benvenuti al Sud, remake del top-seller francese Bienvenus Chez les Ch'tis distribuito da Medusa in Italia e di cui la Francia è interessata a riacquistare la versione italiana. Due inoltre le coproduzioni con gli Usa, il nuovo film hollywoodiano di Gabriele Muccino Passengers con Keanu Reeves ed il primo film americano di Paolo Sorrentino, This Must be the Place, con Sean Penn. Un progetto importante anche a livello produttivo, con un budget di 28 milioni di dollari, e che vede Banca Intesa tra i finanziatori.

Ma veniamo al listino, che inizia con un vuoto vistoso nei mesi estivi. "Abbiamo fatto un esperimento per due anni consecutivi con i Vanzina con due commedie estive, ma l'esperimento non ci ha soddisfatti pienamente. Uscire a giugno-luglio con un film italiano è un rischio eccessivo". Ha detto Letta ad un giornalista che gli chiedeva perché Medusa continua a 'saltare' l'estate. Si parte a fine agosto con la commedia La Polinesia è sotto casa, seguito ad inizio settembre da due film d'autore Somewhere di Sofia Coppola e La solitudine dei numeri primi di Saverio Costanzo. Entrambi in predicato per il Concorso veneziano e non a caso posizionati a inizio settembre. A metà settembre la commedia caciarona Sharm El Sheik con Enrico Brignano, Giorgio Panariello, Maurizio Casagrande, Laura Torrisi, Cecilia Dazzi etc.

Ad ottobre il fantasy Miss Adele e l'enigma del Faraone di Luc Besson, ambientato nel primo novecento, di cui sono state mostrate delle immagini che farebbero pensare ad una via di mezzo tra Poirot e La Mummia. Poi, l'8 ottobre, Benvenuti al Sud, remake italiano di Benvenuti al Nord (Bienvenus chez le Ch'tis) diretto da Luca Miniero con Claudio Bisio nei panni del 'lumbard' trasferito per punizione in un paesino campano. Fine ottobre con le Winx in 3D, ovvero Winx Club 3D Magica avventura. Novembre inizia con il remake, questa volta americano, del film di Tornatore Stanno tutti bene, con Robert De Niro mattatore al posto di Marcello Mastroianni, nel ruolo di un papà che decide di andare a trovare, per la prima volta, i figli che vivono ognuno in una città diversa. Poi comincia il Natale. Un Natale molto lungo, come ha sottolineato Letta. Che inizia in anticipo il 26 novembre con Massimo Boldi protagonista di A Natale mi sposo, diretto da Paolo Costella, e con un cast all star che include Nancy Brilli, Vincenzo Salemme, Enzo Salvi, Elisabetta Canalis, Massimo Ceccherini.

Prosegue, il 3 dicembre con il 'nuovo' Woody Allen ovvero la commedia applaudittisima a Cannes Incontrerai uno sconosciuto alto e bruno interpretata da Anthony Hopkins, Antonio Banderas, Naomi Watts, Freida Pinto. Poi il 17 dicembre l'appuntamento tradizionale (un anno tocca a loro e l'altro a Pieraccioni) con Aldo, Giovanni e Giacomo con La banda dei Babbi Natale. E finisce il 5 gennaio con la nuova commedia di Checco Zalone Ma che bella giornata. Da notare una probabile, sottile (e comunque divertente) polemica inserita nel promo di Zalone in cui l'attore si rivolge agli esercenti dicendo loro di non insistere a volere il suo film a Natale. A febbraio e marzo due commedie doc: rispettivamente Femmine contro maschi di Fausto Brizzi (nel cast Ficarra, Picone, Brilli, Autieri, Bisio, Inaudi, Littizzetto, etc.) e Immaturi di Paolo Genovese, con Bova, Angiolini, Bobulova, Bizzarri, etc. una storia di trentenni che devono riaffrontare l'esame di maturità. Poi, nei mesi successivi, tre titoli americani molto interessanti: il fantathriller Season of the Witch di Dominic Sena con Nicolas Cage; l'intrigante e romantico Last Night con Keira Knightley, Eva Mendes, Sam Worthington ed infine The Nexxt Three Days di Paul Haggis con Russell Crowe in versione action.

Soddisfazione per i risultati registrati con continuità da Medusa negli ultimi anni (con una quota di mercato che si aggira intorno al 15%), prima nel 2009 e seconda (dopo la Fox di Avatar) nel primo semestre del 2010 (ma prima come numero di spettatori) e ottimismo per il futuro.

"E' vitale il rinnovo delle misure di agevolazione fiscale come il tax credit, che scade a fine anno. Sia quello interno riservato agli operatori del settore, e sia quello esterno che potrebbe portare nuovi investitori esterni al mondo del cinema, che stanno dimostrando un notevole interesse". Ha sottolineato Giampaolo Letta, a fine manifestazione.

 

 

Scritto da Piero Cinelli
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA