questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Margherita Buy e Sabrina Ferilli presentano Io e Lei di Maria Sole Tognazzi

Attualità, Conferenze stampa

25/09/2015

Dopo il recente successo di Viaggio Sola Maria Sole Tognazzi torna al cinema il 1° Ottobre con Io e Lei, una commedia sentimentale che racconta l’amore tra due donne mature con uno stile delicato ed elegante. Sabrina Ferilli e Margherita Buy interpretano due ruoli molto diversi ma complementari. La prima commerciante e la seconda architetto sono compagne nella vita da cinque anni e il film entra in punta di piedi nella loro storia d’amore, ripercorrendo i vari step di un rapporto, dal periodo sereno e innamorato ai primi segnali di crisi. “E’ una commedia sentimentale, una storia d’amore che ovviamente ha un valore in tal senso. Volevo far capire che non stavo raccontando una storia diversa dalle altre, e quindi inevitabilmente parlavo degli stessi diritti per tutte le coppie” ha spiegato Maria Sole Tognazzi in conferenza stampa a Roma. 

Il tema dell’omosessualità è abbastanza centrale in questo film, anche se non vittima dei soliti cliché e stereotipi che tendono spesso verso la tragedia o verso una semplice comicità. Riflettendo su questi aspetti del film Margherita Buy ha aggiunto: Ci sono ancora tante cose da risolvere, il film è solo un piccolo stratagemma per cercare di raggiungere qualcosa che non siamo in grado di raggiungere personalmente, ma questa storia di una coppia che si ama con i suoi problemi e il confronto con gli altri, è importante da raccontare. C’è grande egoismo da parte di molte persone rispetto ad un mondo che non conoscono. Secondo me questo film è una parola in più su questo argomento. Io l’ho vissuta come una storia d’amore”. Al suo fianco Sabrina Ferilli in un ruolo simpatico e animato, toccato da alcuni momenti drammatici pienamente convincenti. “Abbiamo fatto solo un film, in venti anni di questo mestiere sono stata sempre molto attenta a quello che succede nel nostro paese. Sole mi ha convinto subito quando mi ha detto di voler raccontare questa storia. Gli sceneggiatori hanno gran parte del merito secondo me, perché a seconda del paese questo tema si racconta in un modo diverso” ha detto, aggiungendo poi qualche parola sul suo punto di vista sulla condizione dell’Italia riguardo ai diritti del mondo omosessuale: “Questo è un paese che lascia per strada tutti. Gli sceneggiatori di Io e Lei hanno avuto l’intelligenza di scrivere un film che trattasse l’omosessualità senza dividere. Guardando il film senti un grande disagio, perché è come se mi avesse messo davanti ad una responsabilità. Una coppia così esiste ed è normale nella sua posizione sociale, civile e sentimentale. Il film accomuna e non mette paura. Qualcuno ha detto che va “troppo in punta di piedi”, ma secondo me questo è il pregio di questo film”.

“Dopo Viaggio Sola volevo lavorare nuovamente con Margherita (Buy), le mandavo dei messaggi. Mentre pensavo al film sono andata a Cannes per il mercato internazionale con Viaggio Sola e ho incontrato Sabrina per La Grande Bellezza. Ci siamo promesse di rivederci a Roma e mentre tornavo a casa pensavo di voler lavorare anche con lei. Così ho acceso la tv e ho visto per caso delle scene da Il Vizietto e l’ho interpretato come un consiglio che veniva dall’alto. Credo sia la prima storia d’amore italiana tra due donne contemporanee che io ricordi negli ultimi anni al cinema” ha spiegato la regista, che ha potuto fare affidamento su una sceneggiatura lineare e carismatica realizzata da Francesca Marciano e Ivan Cotroneo. “Spesso gli omosessuali sono raccontati come protagonisti di una storia tragica o solo per la loro diversità, diventando una sorta di macchiette utili solo per una situazione comica. Noi abbiamo voluto dargli una tridimensionalità, metterle in un film come protagonisti con tutte le sfumature del loro mondo. Per noi era molto importante. Creare quindi una storia per tutti per raccontare questo mondo da vicino e non in modo riduttivo. A volte sono più avanti le nostre zie e nonne più di chi ci governa” ha spiegato la Marciano, mentre Cotroneo ha aggiunto: Abbiamo cercato di ripercorrere i passi di una storia d’amore per scrivere una commedia sentimentale con la consapevolezza che questa esca in un paese condannato da una Corte europea per i diritti civili”.  

“La scommessa di questo film era la credibilità e far in modo che li pubblico facesse il tifo per loro. Non ti accorgi più che sono due donne. E’ una commedia sentimentale a prescindere dalla sessualità delle protagoniste. Mescola registri diversi e frequenta un genere poco frequentato dal nostro cinema” ha sottolineato l’Indio Film che ha prodotto il film, facendo fare un passo in avanti al cinema italiano. Il cast principale è sicuramente la forza di Io e Lei con due attrici protagoniste felici di aver lavorato insieme dopo molti anni di stima e affetto. “Volevo lavorare molto con Sabrina, sapevo che saremmo state una bella coppia sia per le diversità sia per le tante cose che ci accomunano. Abbiamo lo stesso modo di vedere il nostro lavoro e la nostra vita. Siamo serie e attente a quello che facciamo. Sabrina è una persona presente, è nelle cose mentre io sono un po’ più svagata, ma ci compensiamo molto” ha dichiarato Margherita Buy, mentre la Ferilli ha risposto: “La proposta di Sole ci ha fatto buttare subito nel progetto. Per me Margherita è la migliore attrice italiana di sempre, un perfetto connubio tra talento e tecnica. Ha una capacità felina di stare davanti alla cinepresa. Sono abbastanza psicotica come lei ma su temi diversi”

Scritto da Letizia Rogolino
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA