questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

MARCO PONTI

27/08/2001

E’ tratto da una sceneggiatura che ha vinto il Premio Solinas, il primo film dello sceneggiatore e regista Marco Ponti, Santa Maradona. Si tratta di una "commedia drammatica" che racconta le vicende di quattro ragazzi arrivati al punto di svolta: il difficile passaggio dal mondo universitario a quello del lavoro. Protagonisti di questa avventura, che vedremo sugli schermi a metà ottobre, sono un manipolo di giovani promettenti attori: Stefano Accorsi, Libero Di Rienzo, Anita Caprioli e Mandala Tayde.

Marco, da quale esigenza nasce Santa Maradona?

"Dalla voglia di raccontare una storia che mi sembrava negli ultimi anni non fosse stata raccontata, ossia quella di quanti, ultimato il ciclo di studi, fanno fatica ad entrare nel mondo del lavoro".

Il ritratto di una generazione?

"No, non mi interessava fare un discorso di questo tipo, quanto piuttosto raccontare un gruppo di personaggi di una certa età (25-26 anni) e di un certo contesto sociale. Mi sembra infatti atto di presunzione pretendere di dare un ritratto esaustivo dei giovani d’oggi".

Quale realtà fotografa dunque il film?

"La realtà di quattro ragazzi che appartengono a quella piccola borghesia italiana eterogenea nelle mode, nelle abitudini e nei gusti musicali al punto da essere difficilmente chiudibile in una precisa categoria. Diciamo che ho preso un piccolo segmento di giovani e ne ho fotografato la storia, una storia che è nata da esperienze di vita da me vissute in prima persona e da situazioni di cui sono stato testimone, mescolate con elementi di fantasia. Non volevo fare un documentario sociologico, insomma, bensì una commedia che fosse divertente ma che lasciasse anche qualcosa agli spettatori".

Scritto da ADMIN
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA