questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Lo Hobbit conquista anche l’Italia

Attualità, Box Office

17/12/2012

L'uscita della prima ondata dei film natalizi spinge in alto gli incassi (11 milioni di euro complessivi. 46% in più rispetto allo scorso week end) che comunque rimangono leggermente al di sotto dello scorso anno. Dopo l'ottima partenza di giovedì scorso Lo Hobbit si conferma di gran lunga il numero uno, con 4,2 milioni di euro nei quattro giorni, ad una media di circa 5.700 euro per schermo, Con circa 500mila biglietti Lo Hobbit totalizza più spettatori della somma delle due commedie italiane, di cui Tutto tutto, niente niente continua a far mangiare la polvere a Colpi di fulmine, con 1 milione di euro di differenza: (2,3 milioni contro 1,3). C'è da dire che entrambi sono nettamente al di sotto dei film precedenti, un pò a causa dello Hobbit ed un pò per una inevitabile concorrenza reciproca. Discesa rapida per i due titoli campioni delle settimane precedenti, che perdono entrambi più del 60% di spettatori:  Le 5 leggende è quarto con circa 700mila euro ed un totale di 5,3 milioni, mentre Il peggior Natale della mia vita è quinto con 434mila euro ed un totale di 7,5 milioni. Non brilla il cartone Sammy 2 che esordisce in sesta posizione con 369mila gli euro con una debole media per copia di circa 1000 euro. Settima posizione con 330mila euro per Una Famiglia Perfetta che totalizza la non esaltante cifra (per una commedia decisamente più ambiziosa) di 2.86 milioni. Perde ancora terreno Moonrise Kingdom, il delizioso film di Wes Anderson in due settimane sfiora i 750mila euro, e con una media di soli 1.000 euro per sala rischia di non partecipare al lauto 'pranzo' natalizio. Chiudono la top ten il survival thriller The Grey a quota 720mila euro in tre settimane e in decima posizione l'esordiente La parte degli angeli di Ken Loach, con 112mila euro ed una media molto alta di 3.800 euro per copia.

Scritto da Piero Cinelli
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA