questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Lincoln batte Django

Attualità, Box Office

04/02/2013

La spettacolare corsa tra i due campioni Tarantino e Spielberg, dopo una rincorsa di una settimana, vede quest'ultimo superare al fotofinish del box office del week end il suo rivale. Il film di Spielberg, Lincoln, candidato a 12 premi Oscar, incassa 1,549 milioni di euro, con una flessione minima (-25% di spettatori) rispetto al week end d'esordio, che dimostra un ottimo passaparola, e con un totale in undici giorni di 4.1 milioni. Uno dei migliori risultati di Spielberg in Italia, dove evidentemente il regista è più amato come autore di opere di impegno civile piuttosto che di pellicole di pura evasione.
Ciònonostante Django Unchained di Tarantino non subisce nessun tracollo, bensì alla quarta settimana di programmazione porta a casa altri 1,512 milioni per un totale di 9.6 milioni, superando l'incasso complessivo del suo precedessore Bastardi senza Gloria (9.3 milioni). In terza posizione la new entry catastrofica The Impossible, con 1.2 milioni di euro ed una media di 4.500 euro, la migliore del week end. Quarta piazza per Flight di Zemeckis con 835mila euro, per un totale di  2.5 milioni in 11 giorni.
Seguono quasi appaiate due altre new entries Looper e Les Miserables con rispettivamente 723mila e 720mila euro, e altrettanto simili medie per sala (2600 contro 2500 euro). Due esordi non eclatanti per un blockbuster fantascientifico con Bruce Wills e per un musical candidato ad 8 Premi Oscar. Da notare però che l'incasso di Les Miserables è stato condizionato sicuramente dalla lunghezza della pellicola (due ore e mezza) e quindi in genere uno spettacolo in meno a disposizione.
Settima ed ottava posizione per due titoli italiani Pazze di Me di Fausto Brizzi con 526mila euro, per un totale di 1.6 milioni in 11 giorni e altri 382mila euro per un totale di  8 milioni in cinque settimane per La Migliore Offerta di Giuseppe Tornatore. Da sottolineare l'eccellente risultato di questo film, che uscito il 1 gennaio in un momento di relativa quiete è riuscito a conquistare il pubblico italiano.

Chiudono la classifica due pellicole opposte, entrambe interpretate da anziani o presupposti tali, e con esiti molto diversi. La prima, The last stand, un action movie scatenato che segna il ritorno di Arnold Schwarzenegger come protagonista, dopo dieci anni da Governatore della California esordisce con 344mila euro con una delle peggiori medie per sala  (1.100 euro). La seconda, la commedia musicofila Quartet del regista esordiente Dustin Hoffman (classe 1937), interpretata da un quartetto di splendidi ottantenni o giù di lì, e ambientata in un ospizio, incassa 329mila euro con un incremento del 6% di spettatori rispetto alla settimana precedente ed un'ottima media per sala di 3.300 euro. Che sia un segnale che a soli 66 anni il vecchio Terminator debba andare in pensione?

Scritto da Piero Cinelli
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA