questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Leoncino d’Oro Agiscuola per il Cinema a Carnage, Unicef a Terrarferma

Attualità

10/09/2011

Nell’ambito della 68a Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica si è svolta, all’Hotel Excelsior, la cerimonia di premiazione che ha conferito al film CARNAGE di Roman Polansky il Leoncino d’Oro Agiscuola per il Cinema. I 26 ragazzi membri della giuria hanno decretato miglior film, tra quelli in concorso alla 68a Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica, CARNAGE di Roman Polanski con la seguente motivazione:

“Un'opera che non lascia indifferenti: un nudo incontro con la realtà, dei protagonisti e di noi stessi. Con l'eleganza che gli é propria, il regista ha dimostrato che per fare ottimo cinema servono soprattutto due cose: idee e collaborazione. La pellicola, infatti, si é avvalsa di interpreti che hanno saputo restituire la complessità dei rapporti generazionali, coniugali  e sociali, in un contesto apparentemente ordinario.  Questo, grazie al ritmo incalzante della sceneggiatura e ad una regia pungente che riesce a svelare, fotogramma dopo fotogramma, l'evoluzione (o involuzione) dei personaggi in un grottesco rovesciamento della situazione iniziale, al limite tra il vivere civile e la carneficina. Per questi motivi siamo lieti di annunciare che il vincitore del premio "Leoncino d'oro 2011 AGISCUOLA" é: CARNAGE di Roman Polansky.”

La 32a Segnalazione Cinema  for UNICEF, assegnata dalla giuria dei ragazzi del Leoncino d’Oro Agiscuola 2011 al film che “meglio trasmette i valori e gli ideali dell’UNICEF, dando voce e volto ai diritti dell’infanzia” è stata consegnata al film TERRAFERMA di Emanuele Crialese con la seguente motivazione:

“La collaborazione di AGISCUOLA con UNICEF nell'ambito del Festival nasce dall’esigenza di perseguire, attraverso le arti e lo spettacolo, la tutela dell’infanzia e dell’adolescenza per garantire le migliori condizioni di vita e la parità dei diritti a tutti i bambini del mondo. La parola chiave, dell’UNICEF come del film eletto, è perciò solidarietà ed amore per la vita. Guardare all’altro con gli occhi dell’infanzia significa andare oltre le barriere razziali e abbattere i muri di cristallo che separano il diritto civile da quello naturale. Il film selezionato per il premio UNICEF racchiude con estrema delicatezza e nella breve durata di una proiezione, il rapporto con l’altro attraverso il punto di vista di tre generazioni. A quest’opera riconosciamo il merito di aver dimostrato che, oltre ogni muro di apparente differenza, camminiamo tutti verso una medesima meta: la speranza di costruire un futuro. E’ per questi motivi che la nostra giuria è orgogliosa di assegnare il premio a “Terraferma” di Emanuele Crialese.”

Scritto da Nicoletta Gemmi
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA