questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Le uscite del weekend

Attualità

26/11/2009

Mentre l'astro di New Moon continua a illuminare il botteghino, sono otto i nuovi film ai nastri di partenza.

Quasi tutti sul genere autorale, ma anche con una qualche affinità tra di loro e perfino con New Moon: storie di coppie di vario genere, coppie di colleghi, di amici, di innamorati, una addirittura diabolica. La coppia più improbabile, e probabilmente la più divertente, è quella di Meno male che ci sei ovvero quella di Claudia Gerini e Chiara Martegiani rispettivamente nei ruoli dell'amante del padre e della figlia di un Signore che, ahimé, scompare tragicamente all'inizio del film per lasciare posto ad una storia di amicizia tra donne di generazioni diverse, una adulta ancora piuttosto ingenua e una adolescente problematica con grandi slanci e grandi delusioni. Commedia agrodolce, molto femminile, con personaggi non stereotipati, ma in odore di quotidianità. Una coppia di innamorati e neoromantici invece è quella di 500 giorni insieme. La storia di due personaggi adorabili che sembrano quasi dei marziani in questi tempi di cinismo e di volgarità. Tom è un ragazzo che crede ancora al colpo di fulmine, che capita una sola volta nella vita. Lei invece, pur apprezzando il corteggiamento, lo tiene un pò a distanza. Lui continua a correrle dietro, come un moderno Don Chisciotte, con tutta la forza e il coraggio che possiede. Il film è semplicemente la cronaca di questo amore non colto, durato appunto 500 giorni. In La dura verità, una commedia di grande successo in America, la coppia è formata da una giornalista televisiva in crisi di ascolti e da un odioso e arrogante conduttore che le viene affiancato, il quale preso dal sacro fuoco di darle preziosi consigli sulla sua vita sentimentale, finirà per cadere nella sua stessa trappola.

Coppia luciferina invece per Dorian Gray, che il regista Olive Parker, un esperto di Oscar Wilde, ha tratto dal capolavoro dello scrittore britannico. Dove un giovane dandy viene plagiato da un Lord tentatore e corruttore, fino ad accettare di vendere l'anima al demonio pur di non perdere la propria giovinezza. "Ora, ovunque andiate, voi incantate il mondo. Sarà sempre come oggi?". Una lettura quasi horror, con un occhio all' attualità, di un uomo disposto a tutto pur di conservare la propria falsa immagine di perfezione. In Triage, del regista bosniaco Premio Oscar Denis Tanovic, è una coppia di fotografi al centro della storia. Due fotoreporter di guerra, colleghi e amici, testimoni delle atrocità nel Kurdistan iracheno sul finire degli anni 80, divisi da un diverso grado di percezione del rischio. Uno verrà ferito e scoprirà l'inferno degli ospedali da campo, dove si pratica il triage, ovvero la selezione in base alla gravità dei feriti. I più gravi vengono soppressi. In La cosa giusta una coppia di poliziotti diversissimi, per carattere, metodi, estrazione, e che si detestano cordialmente, vengono incaricati di pedinare uno straniero, in odore di terrorismo. Al di fuori degli schemi di coppia ed accompagnato da qualche polemica, esce finalmente il rumeno Francesca, storia di una maestra d'asilo che sogna di emigrare in Italia per costruirsi una vita migliore. Francesca è una dura critica contro il razzismo e gli stereotipi degli italiani nei confronti dei romeni. Alessandra Mussolini ha querelato il regista per una frase ingiuriosa che le viene diretta nel film. Ultimo titolo del week end - ma sicuramente primo in termini di numero di schermi: 480 - la commedia Cado dalle nubi, del comico 'zeligiano' Checco Zalone, storia di un giovane cantante pugliese che sbarca a Milano in cerca di successo. Terrone doc, dovrà vedersela col padre leghista della fidanzatina e sul punto di tornare al paesello, dopo una serie di rifiuti, troverà il successo grazie soprattutto al suo talento comico.

 

VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA