questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Le ‘primissime’ sotto l’albero: commedie ma non solo…

16/12/2013

Prosegue la incruenta 'battaglia cinematografica del Natale'. Tra i nostrani 'cinepanettoni DOC' e commedie che rivisitano la formula della risata natalizia, troviamo anche delle commedie delicate e coinvolgenti.
Stephen Frears ad esempio racconta con tocco leggero la storia durissima di 'Philomena', cui presta il volto Helen Mirren, una ragazza madre che a cinquant'anni di distanza prova disperatamente a rintracciare suo figlio, dato in affidamento chi sa a chi in una dei tanti istituti femminili per ragazze ‘immorali’, gestiti da suore. "Un regista puo' decidere di girare un film per molte ragioni - sottolinea Frears - nello specifico mi interessava la combinazione tra tragedia e commedia. La mia storia è focalizzata non tanto sui maltrattamenti, quanto sul fatto che i figli di queste povere madri venivano venduti a coppie abbienti".
Fausto Brizzi con 'Indovina chi viene a Natale' torna in sala con un film di Natale che meno classico non si può. Lontano dai meccanismi comici del cinepanettone il regista romano affronta con ironia il tema della diversità, affidandosi al romanticismo per intrecciare molte piste comiche nelle quali si cimenta un cast all star, da Diego Abatantuono a Raoul Bova passando per Angela Finocchiaro e Cristiana Capotondi, e ancora Buccirosso, Bisio e Gerini. Ecco come il regista di campioni d'incassi come 'Notte prima degli esami' ed 'Ex' ci racconta il suo nuovo lavoro: "Il tentativo era quello di fare un 'Indovina chi viene a cena' 2.0 e cercare la nuova frontiera del razzismo. Per questo schiero la coppia di super democratici Finocchiaro e Abatantuono, che si trovano in difficoltà quando un diversamente abile entra a casa loro. Questo il motivo di fondo della mia riflessione e farla con delle risate intorno mi sembrava un buon metodo per affrontarla.
Il primo titolo
- precisa Brizzi - era 'L'altro Natale', sapevo che avrei avuto una concorrenza agguerritissima e quindi ho cercato di fare qualcosa di originale, una commedia scorretta ma romantica, un film d'amore con una riflessione nel mezzo.
Ben Stiller, produttore, regista ed interprete de 'I sogni segreti di Walter Mitty', ci trasporta in una commedia elegante che affronta il mondo di pura fantasia di Walter, un uomo mite con un lavoro ordinario che spesso e volentieri fugge dalla frustrante realtà sognando ad occhi aperti un mondo fantastico, reso elettrizzante da audaci eroismi, appassionate storie d’amore e intrepide vittorie sul pericolo.
"Quello che mi piace di questa storia è che non può essere classificata" - spiega Stiller - infatti c’è la commedia, il dramma, è una storia di avventura, è reale ma è fantasticamente iper-reale".
"La cosa che amo di più di questo progetto
- sottolinea Stiller - e' che al centro di tutto questo c’è un personaggio nel quale credo tutti possano ritrovarsi, qualcuno che sembra stia semplicemente vivendo la vita attuale ma che in realtà ne sta vivendo una completamente diversa nella sua testa. Per me, lui incarna tutte quelle cose che immaginiamo su noi stessi e il mondo, ma che non diciamo mai a nessuno per paura..."

Scritto da Titta Digironimo
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA