questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Le minirecensioni di tutti i film in uscita

Attualità, Recensioni

12/12/2013

Lo Hobbit La Desolazione di Smaug

Regia Peter Jackson, Con  Martin Freeman, Ian McKellen, Richard Armitage, Luke Evans. 161’, Warner Bros., Fantasy Avventura

Se qualcuno si era annoiato con Il viaggio inaspettato, non ne avrà il tempo con La desolazione di Smaug, un secondo capitolo più teso, più spettacolare e più dark, e tra l'altro con un 3D da brividi, in cui finalmente l'azione entra nel vivo per una grande avventura dal respiro molto più ampio. 

Un fantastico via vai

Regia Leonardo Pieraccioni, Con Serena Autieri, Leonardo Pieraccioni, Massimo Ceccherini, Giorgio Panariello. 95', 01 Distribution, Commedia 

Il nuovo sodalizio con Paolo Genovese (regista di Immaturi) porta acqua più fresca al mulino di Leonardo Pieraccioni che abbandona la commedia romantica per intercettare il pubblico più giovane, e abbassare notevolmente l'età media dei suoi protagonisti, nonostante i suoi quasi cinquanta. Senza però rinunciare al suo sguardo ironico ed ai suoi vecchi complici di risate come la premiata coppia Ceccherini-Panariello. 

Molière in bicicletta

Regia Philippe Le Guay, Con Fabrice Luchini, Lambert Wilson, Maya Sansa. 104', Teodora, Commedia. 

Non siamo di fronte ad un'operazione di cinema sul teatro ma cinema a tutto campo, con uno script datato 1606 firmato da uno dei più grandi scrittori francesi e riattualizzato con una sceneggiatura e due interpretazioni (Fabrice Luchini e Lambert Wilson) da Oscar.  Un attore di una fiction banale ma di grande successo va in una località sperduta della Francia per convincere un suo vecchio amico a tornare in teatro dopo alcuni anni di sdegnoso ritiro. Il misantropo di nome e di fatto prende qualche giorno di tempo per pensarci, nel frattempo proveranno insieme il primo atto, scambiandosi le parti, in un gioco raffinato che ben presto diventa una gara.

Still Life

Regia Uberto Pasolini Con Eddie Marsan, Joanne Froggatt, Karen Drury, Andrew Buchan. 

87', Bim, Drammatico. 

La storia di un addetto ai funerali delle persone morte in solitudine, rimanda ad un tema centrale dove tristezza e commozione si confondono.  Ma il regista Uberto Pasolini sceglie un tono leggero e distaccato, dove la drammaticità sconfina spesso nella commedia, che insieme ad una interpretazione splendida di Eddie Marsan, rendono il film affascinante.  Un cinema dove la discrezione, la misura, la pacatezza, l'equilibrio genera commozione. Come un'opera zen, 

Qui e Là

Regia Antonio Méndez Esparza, Con Pedro De los Santos, Teresa Ramírez Aguirre, Lorena Guadalupe Pantaleón Vázquez, 110', Distr.Indipendente, Drammatico. 

Il ritorno a casa di un emigrante messicano diventa il pretesto per un racconto privato e politico di vita vera (il film a metà strada tra documentario e fiction ricostruisce la storia vera del protagonista)  di un uomo che dopo aver lavorato per molti anni da clandestino in un paese che non lo voleva, ha difficoltà a reinserirsi nella sua famiglia che lo considera un estraneo, e a immaginsre un futuro  in un paese povero e spietato come il messico, dove la lotta per la sopravvivenza è durissima. 

Il segreto di Babbo Natale

Regia Leon Joosen, Aaron Seelman. 83', M2 Pictures, Animazione. 

Aspirante scienziato un elfo cicciottello non ama il compito che gli è stato assegnato nella grande squadra di Babbo Natale: ripulire le cacche delle renne. Ma quando con una sua invenzione provoca un black out che neutralizza il sistema di difesa che protegge il Polo Nord, una coppia di persone malvage approfitta per rubare i segreti di Babbo Natale. Un disastro, che il piccolo elfo cercherà di fermare con l'aiuto di una macchina del tempo. Ennesimo cartone a tema Santa Klaus, pieno di colore e con molti personaggi bizzarri, anche se con una storia sempliciotta che lo rende adatto solo ai più piccoli. 

Pussy Riot A Punk Prayer

Regia Mike Lerner,Maxim Pozdorovkin, Con Maria Alyokhina, Yekaterina Samutsevich, Nadezhda Tolokonnikova. 90', I Wonder, Documentario. 

Chi l'avrebbe detto! Un autarca potente e maschilista come Putin che tiene in pugno un paese grande come la Russia e tutti i suoi satelliti, messo alla berlina da un gruppo di ragazzine, oltretutto donne. E' questa la cosa più entusiasmante di questo documentario che racconta la lotta delle Pussy Riot, utilizzando prevalentemente materiale d'archivio (con l'esibizione nella cattedrale di Cristo Redentore a Mosca (che è costata loro la condanna a tre anni di prigione). 

Scritto da Piero Cinelli
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA