questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

Le minirecensioni dei film in uscita

Attualità, Recensioni

17/10/2013

Una piccola impresa meridionale
Regia Rocco Papaleo
Con Rocco Papaleo, Riccardo Scamarcio, Barbora Bobulova, Sarah Felberbaum, Claudia Potenza, Giuliana Lojodice.
103', Warner Bros., Commedia
Dopo il successo del film d'esordio Basilicata Coast to Coast, come prima cosa ci si chiede se questo secondo film sia migliore o peggiore del primo. Domanda senza risposta, perché i due, nonostante abbiano alcune cose in comune - oltre alla presenza dello stesso Papaleo e tanta, ottima musica - non sono paragonabili. Il primo era un autentico on the road, dallo spirito goliardico e un pò gaglioffo, il secondo è una commedia collettiva, di impianto sia scenico che di dialoghi, quasi teatrale, ambientata in un unico spazio, un piccolo promontorio con faro sul mare. Una commedia dall' anima malinconica, con qualche battuta esilarante, e personaggi gradevoli, interpretati benissimo, Su tutti un delizioso Scamarcio. Alla seconda regia, Papaleo conferma il suo talento naturale, con un'idea forte di ristrutturazioni di anime perse, anche se talvolta la disperde, verbalmente, per inseguire i massimi sistemi.


Giovani ribelli - Kill your darlings
Regia John Krokidas. Con Daniel Radcliffe, Elizabeth Olsen, Michael C. Hall, Dane DeHaan. 143', Notorious, Biografico.
Scampoli di beat generation per adolescenti, in un melodrammone che la racconta dal buco della chiave. Forse è proprio questo l'errore del film, ridurre delle vere e proprie icone della cultura americana a dei ragazzi con problemi di omosessualità latente e con attrazione irresistibile verso gli spinelli e verso il lato oscuro, con svolta dark, della personalità. Dalla serie Harry Potter incontra Allen Ginsberg.


Cose Nostre Malavita
Regia Luc Besson, Con Robert De Niro, Michelle Pfeiffer e Tommy Lee Jones. 112', Eagle Pictures, Drammatico.
Più che un'action comedy è una parodia del gangster movie, e da questo punto di vista il film è godibilissimo, anche se il finale action sembra attaccato con lo scotch. Besson fa quasi centro, innestando in una becera quanto bella provincia francese un pezzo da novanta della mafia americana. De Niro lo interpreta con l'ironia dell'icona che prende in giro se stessa e con lo spirito del leone in gabbia tra le baguette. Completano il quadretto familiare, la moglie Michelle Pfeiffer e due figli mafiosetti, Dalla serie buon sangue non mente.


Two Mothers
Regia Anne Fontaine, Con Naomi Watts, Robin Wright, Xavier Samuel, James Frecheville. 100', Bim, Drammatico.
Il tema è moralmente detestabile: due madri che si accendono di passione l'una per il figlio dell'altra e vivono insieme appassionatamente per anni questa relazione, resa ancora più torbida e ambigua dalla loro complicità. E con ogni evidenza è proprio questo che ha attratto la regista francese Anne Fontaine: la violazione del tabù, del proibito. Che lo racconta con modi da telenovela, con attori bellissimi e compiaciuti in scenari da favola. A quando lo sdoganamento dell'incesto?


La prima neve
Regia Andrea Segre, Con Giuseppe Battiston, Anita Caprioli, Roberto Citran, Jean Christophe Folly, Matteo Marchel.
104', Parthenos, Drammatico.
Quella di portare un immigrato africano appena sbarcato tra le montagne del Trentino, sembra quasi un' iperbole. Il massimo del disorientamento che si somma alla sofferenza per la perdita della moglie e del distacco dalle sue origini. Una sofferenza mitigata dall'accoglienza in una famiglia di montanari.
Non c'è ombra di razzismo in questo terzo film di Andrea Segre, piuttosto lo stupore dell'incontro tra uomini e la (ri)scoperta di luoghi che uniscono nella loro maestosa asprezza. Prima che la neve cominci a cadere.

Scritto da Piero Cinelli
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA