questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

le minirecensioni di tutti i film in uscita

Attualità, Recensioni

07/11/2013

Questione di tempo 

Regia Richard Curtis Con Domhall Gleeson, Rachel McAdams, Bill Nighy. 123’, Universal, Commedia. 

Che invidia vedere come una commedia riesca a toccare corde ed argomenti molto più profondi, come il significato del tempo e della vita stessa, riuscendo a far ridere. Una quadratura del cerchio, che riesce raramente, e che adesso impreziosisce la già collaudata scuola della commedia british. Grandi anche gli interpreti ed in particolare Bill Nighy, che in una breve apparizione riesce a commuovere. 

Prisoners

Regia Denis Villeneuve, Con Hugh Jackman, Jake Gyllenhaal, Maria Bello, Melissa Leo. 153', Warner Bros., Drammatico.

Eastwood ha fatto scuola. Non si può non pensare a film come Changeling e Mystic River, vedendo questo dramma, mascherato da thriller, incentrato su due famiglie alla ricerca disperata delle rispettive figlie di sette anni scomparse misteriosamente. Una vicenda che fa venire i brividi solo a pensarla, quella del rapimento di una figlia, e che suscita una reazione disperata dei genitori, in particolare dal personaggio interpretato da Hugh Jackman (in una delle sue migliori interpretazioni), che è pronto a lottare con ogni mezzo per difendere la sacralità della famiglia. Il thriller scava dentro i personaggi e dentro una comunità tipica della provincia americana ultraconservatrice, per giungere ad un colpo di scena spiazzante, che lo rinnega.

Giovane e Bella 

Regia François Ozon,  Con Marine Vacth, Géraldine Pailhas, Frédéric Pierrot, Charlotte Rampling. 94', Bim, Drammatico. 

Nel raccontare la storia di una diciassettenne che si prostituisce per 'passione', accanto ad una componente voyeristica molto forte, c'è un'altrettanto forte componente psicanalitica che salva il film da una lettura puramente estetica di una giovane e bella (per davvero) che va a letto con uomini molto più anziani di lei, non per bisogno di denaro e non di certo per amore, ma per affermare la propria incerta ed esuberante femminilità.

Something Good

Regia Luca Barbareschi, Con Luca Barbareschi, Zhang Jingchu, Kenneth Tsang, Gary Lewis. 111', 01 Distribution, Thriller. 

Luca Barbareschi realizza un ottimo film di genere, uno dei pochi film italiani a vocazione internazionale riusciti, con un tema forte come quello delle sofisticazioni alimentari, con un cast tecnico di eccellenza, e con interpretazioni convincenti (ed il festival di Roma lo rifiuta)! Una redemption story (l'inglese in questo caso è d'obbligo) ambientata ad Hong Kong, con al centro il personaggio di un trafficante internazionale che cerca di redimersi dopo l'incontro con una donna. 

Planes

Regia Klay Hall

112’, Disney , Animazione

Mentre il genere animazione cerca sempre di più di allargarsi verso le fasce di pubblico più adulto, Planes, come Cars Motori Ruggenti peraltro, di cui è uno spin off, guarda ai più piccoli, con la collaudata bravura della Disney Pixar. Storia di un aereo agricolo impiegato nella fertilizzazione dei campi che sogna di gareggiare in una famosa corsa intorno al mondo, Planes è tenero e divertente.

Machete kills

Regia Robert Rodriguez con Danny Trejo, Amber Heard, Mel Gibson, Sofía Vergara, Jessica Alba. 107', Lucky Red, Azione. 

Con quella faccia di tolla ed un fisico non particolarmente aitante, Danny Trejo, grazie alle cure cinematografiche di Robert Rodriguez, è diventato con il marchio Machete il re indiscusso del cinema trash, Un cinema che spara proiettili e cazzate a go-go, dove non conta la trama, ma le gag, i colpi di scena, le sorprese, e soprattutto la consacrazione del mito dell'agente messicano più letale del mescal.  

La Gabbia dorata

Regia Diego Quemada-Diez. Con Ramón Medína, Rodolfo Dominguez, Brandon López, Carlos Chajon, Karen Martínez 

102', Parthenos, Drammatico. 

Assistente di Ken Loach per più di dieci anni, lo spagnolo Diego Quemada-Diez sembra aver mutuato dal grande regista britannico la stessa passione civile, mettendola al servizio di una storia di frontiera, dove i grandi spazi fanno da sfondo a grandi e piccole tragedie, che vedono ogni giorno migliaia di persone salire sui tetti dei treni merci che attraversano il continente latino-americano, per sfuggire a una vita di miseria, verso gli Stati Uniti. Storie vere che il regista ha raccolto durante una lunga (anche per la difficoltà a trovare finanziamenti) e meticolosa preparazione, restituite in tutta le loro tragica realtà, al di là di qualsiasi ideologia.

Rampart

Regia Oren Moverman con Woody Harrelson, Ben Foster, Ice Cube, Steve Buscemi. 105', One Movie, Drammatico. 

Noir all'ombra di James Ellroy che firma la storia, e di una LA corrotta e criminale, di cui la polizia cittadina è il fedele specchio, rappresentato in particolare dal cattivo poliziotto, interpretato superbamente da Woody Harrelson, che pesta a sangue i sospetti e usa disinvoltamente il denaro sporco. Non c'è suspence, ma piuttosto una immedesimazione nella vita e nella psicologia di un uomo violento e ambiguo, che affonda nelle sabbie mobili della sua cattiva coscienza.

Un week end da bamboccioni 2

Regia Dennis Dugan. Con Adam Sandler, Kevin James, Chris Rock, David Spade, Salma Hayek. 101', Warner Bros., Commedia. 

Torna la  scatenata combriccola di Un weekend da bamboccioni (2010), ma più che un sequel è una carrellata di sketch, senza una vera e propria storia, a parte la perpetua adolescenza del protagonista e dei suoi amici, ancora immersi, nonostante l'età anagrafica, all'epoca del liceo, ma più che una celebrazione del passato il film dà l'impressione di un teen movie interpretato  da quarantenni. 

Scritto da Piero Cinelli
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA