questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

La vita di Adele: è guerra tra il regista e le attrici

Attualità, Gossip

26/09/2013

Alla vigilia dell'uscita del film vincitore della Palma d'Oro al Festival di Cannes, La vita di Adele, è scoppiata una guerra di dichiarazioni e insulti tra le due attrici Léa Seydoux e Adele Exarchopoulos ed il regista Abdellatif Kechiche

In un'intervista con il sito americano Daily Beast, le due attrici si sono lamentate pesantemente dei metodi particolarmente brutali del regista Abdellatif KechicheLéa Seydoux ha ricordato il periodo delle riprese come "orribile" con un regista che "provava ogni giorno cose nuove, perché non sapeva quello che voleva ", e faceva ripetere un centinaio di volte le scene. Tra i vari episodi di presunta violenza psicologica e verbale, entrambe le attrici sembrano essere state particolarmente segnate da una scena in cui Lea Seydoux violenta Adele Exarchopoulos durante la quale  Kechiche continuava a urlare:  " Colpiscila, colpiscila ancora." " Nella scena la dovevo spingere verso una porta di vetro, ha precisato  Léa Seydoux . "Lei ci è caduta ma si è tagliata e ha cominciato a sanguinare dappertutto. Poi è scoppiata a piangere quando Kechiche ha detto "No , non abbiamo finito . Adesso la rifacciamo."  In un altra scena, racconta Adéle Exarchopoulos, a Lea stava uscendo il sangue dal naso, e lei avrebbe cercato di fermarlo con la mano, ma Kechiche avrebbe gridato: "No , bacia e lecca il suo moccio. ' " Alla domanda circa la possibilità di un altro film con il regista , l'attrice non lascia spazio a dubbi : "Mai". 

Risponde in un' intervista di ieri (a Télérama) il regista Abdellatif Kechiche: "Per me - dichiara - questo film non dovrebbe più uscire, è stato  troppo insultato. La Palma d'oro è stato un breve momento di felicità, ma adesso mi sento umiliato , disonorato,  ho sentito un rifiuto totale della mia persona, che vivo come una maledizione ... " . Il regista se la prende soprattutto con Lea Seydoux  che dipingendolo come un regista tirannico impedirebbe agli spettatori di andare a vedere il film con uno sguardo puro e bendisposto.  "Léa Seydoux vuole rubare la scena al film , così come ad Adele Exarchopoulos [ ... ] E'come andare ad  un matrimonio sapendo che gli sposi si odiano. Queste dichiarazioni sono peggio di sputare nella minestra, è una mancanza di rispetto per un lavoro che considero sacro. Se avesse davvero vissuto quello che dice, perché è venuta a Cannes? Forse le interessava soltanto il tappeto rosso? Ma allora che attrice è?"

La ventottenne attrice intanto compare nuda nella copertina del mensile Lui, e racconta in un'altra intervista, comparsa qualche giorno fa su Psychologies Magazine, di essere stata molto imbarazzata nelle scene di sesso, ma di averle volute davvero. 

Scritto da Piero Cinelli
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA