questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

La Siciliana Ribelle conquista gli Usa

Attualità, Eventi

26/07/2010

The Sicilian Girl - questo il titolo americano del film - arriva nelle sale Usa il 4 agosto, distribuito dalla Music Box Film e preceduto da una straordinaria campagna mediatica suscitata dalla proiezione del film alla critica. Dopo aver partecipato a più di 50 festival nel mondo e vinto numerosi premi, il film d'esordio di Marco Amenta è stato presentato al 'Film Forum', dove ha ottenuto un'accoglienza estremamente positiva. ''Appassionante, avvincente e mozzafiato!'' scrive il 'Washington City Paper', mentre il 'Ventura Breeze' di Los Angeles lo paragona addirittura al capolavoro di Coppola: ''Francis, prendi nota. Ogni singolo fotogramma è avvincente quanto 'Il Padrino'. Un film che fino alla fine che ti inchioda alla sedia''. Il film è liberamente ispirato alla storia di Rita Atria che appena diciassettenne, osa denunciare Cosa Nostra e vendicare l'assassinio del padre e del fratelllo, entrambi mafiosi. Dopo l'incontro con il giudice Borsellino, Rita diventa testimone di giustizia e inizia una vita di clandestinità. Una figura simbolo, una moderna Antigone, un'eroina che lotta per la giustizia fino allo stoico epilogo: Rita si toglierà la vita sette giorni dopo l'uccisione di Paolo Borsellino.

'La siciliana ribelle', presentato in anteprima al Festival di Roma, ha avuto la nomination come Miglior Opera Prima ai David di Donatello e ai Nastri D'Argento nel 2009. Ha vinto il Biglietto D'Oro come film Italiano più visto nelle scuole.

"Il volto dell'Italia all'estero è quello di Riina e Provenzano, di politici e imprenditori corrotti, ma non dobbiamo dimenticare che l'Italia è anche il paese dell'anti-mafia, di tanti eroi come Borsellino o Rita Atria. Il 26 Luglio di 18 anni fa - ha commentato Amenta, in partenza per New York - Rita Atria si toglieva la vita ed è doveroso non dimenticare lei e quanti, da eroi, hanno lottato una guerra che dura da oltre 50 anni, che ha fatto migliaia di morti e che ancora scuote dolorosamente l'Italia dalla Sicilia alla Calabria, da Scampia a Milano''.

Padrino di Amenta negli Usa sarà l'attore premio Oscar Peter Fonda: ''Dopo aver visto il film - ha aggiunto Amenta - Fonda ha deciso di sostenere il mio lavoro presentandomi agenti e produttori a Los Angeles per il mio prossimo progetto su Yunus, il banchiere dei poveri, premio Nobel per la Pace, in cui Peter Fonda avrà anche un ruolo''. Questo film sarà una coproduzione europea e la sceneggiatura, scritta con Sergio Donati ('C'era una volta il west') e Massimo Gaudioso ('Gomorra'), è già stata premiata al Tribeca Film Festival.

Scritto da Piero Cinelli
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA