questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

La rosa delle Migliori attrici protagoniste agli Oscar 2012

Attualità, Personaggi

24/02/2012

Uno scontro tra primedonne particolarmente acceso quello che vedremo Domenica 26 Febbraio in diretta dal Kodak Theatre. Cinque eccellenti candidate si contenderanno l’Oscar come Miglior attrice protagonista. In attesa di scoprire chi la spunterà, vediamo le prescelte:

Meryl Streep per The Iron Lady: Possiamo senza ombra di dubbio soprannominarla La Regina. Una vita da candidata la sua: 17 nomination agli Oscar e due statuette portate a casa e 26 con otto vittorie ai Golden Globe. Nel suo caso possiamo parlare di nomination d’ufficio, la Streep buca lo schermo qualsiasi film interpreti da Il diavolo veste prada a Kramer contro Kramer. Non poteva mancare anche per lei un ruolo’ storico’ ed in The Iron Lady, per il quale è stata acclamata dalla critica mondiale, si è calata nei panni di Margaret Thatcher, controverso primo ministro britannico.

Glenn Close per Albert Nobbs: Secondo molti la vera rivale diretta della Streep in questa gara, è stata candidata per la statuetta ben sei volte, collezionando nella sua carriera due Golden Globes e svariati altri premi. Albert Nobbs è stato da lei definito il film più importante della sua carriera, da lei fortissimamente voluto: l’attrice ha interpretato per la prima volta il personaggio in una produzione teatrale del 1982, ed ha trascorso molti anni tentando di realizzarne un film. Il progetto stava per entrare in produzione all'inizio degli anni Duemila, con la regia di István Szabó, ma si fermò per mancanza di fondi. Oltre ad essere la protagonista della pellicola, la storia di una donna che si traveste da uomo per poter lavorare come cameriere, la Close ha anche firmato la sceneggiatura insieme a John Banville.

Michelle Williams per My Week with Marylin: Una settimana nella vita della tormentassima diva Monroe, attraverso gli occhi del suo assistente. Potrebbe essere il ruolo cardine nella carriera della giovane Williams. Nota in tutto il mondo per esser stata la ribelle Jen Lindley nella serie teen cult Dawson’s creek, l’attrice ne ha fatta di strada. Questa è la sua terza candidatura agli Academy Awards dopo I segreti di Brockeback Mountain e Blue Valentine. Sarà la volta giusta?

Viola Davis per The Help: la sua Aibileen Clark, coraggiosa domestica nel Mississippi degli anni ’60 porta alla Davis la sua seconda candidatura agli Oscar dopo quella per Il dubbio. L’attrice ha già portato a casa il Sag Awards e nella sua carriera ha già collezionato due Tony Award per la miglior interpretazione femminile e due Drama Desk Awards per il ruolo di Tonya in King Hedley II di August Wilson.

Rooney Mara per Millennium: Uomini che odiano le donne. Ovvero la candidatura che non ti aspetti. La meno nota tra le altre nominate, ad oggi conta nel suo carnet un solo film importante The social network, nel quale ricopriva però un ruolo minore. Questa volta l’attrice ha dovuto confrontarsi con l’interpretazione anche molto recente di Noomi Rapace. La sua Lisbeth Salander, ribelle hacker dal passato doloroso e turbolento, sembra aver retto superato la prova. Le porterà anche la stauetta?

 

Scritto da Manuela Blonna
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA