questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

La protesta dello Spettacolo in piazza Montecitorio

21/07/2009

Erano circa cinquecento persone, tra attori, registi e soprattutto lavoratori del mondo dello spettacolo ieri in piazza Montecitorio di fronte alla Camera dei Deputati, uniti nella protesta contro il tagli al Fus, il fondo unico per lo spettacolo. Molti volti noti ovviamente, a cominciare da Nanni Moretti, Paolo Virzì, Carlo Verdone, Massimo Ghini, Luca Zingaretti, Mariangela Melato, Ettore Scola, Carlo Lizzani, Stefano Rulli, Citto Maselli, Maurizio Scaparro, Ricky Tognazzi, Giuliano Montaldo, Silvio Orlando, Carlo ed Enrico Vanzina. Insieme a loro alcuni esponenti politici dei due schieramenti, da una parte il segretario Pd Dario Frascescini e l'ex sindaco di Roma Walter Veltroni, dall'altra i due esponenti della maggioranza Luca Barbareschi e Gabriella Carlucci, inizialmente fischiati, che testimoniano la loro solidarietà e volontà di lottare, passando se necessario ad iniziative di sciopero più radicali. Buia in volto, la delegazione dei 100 Autori ricevuta dal sottosegretario Gianni Letta, conferma che non c'è speranza, in questo momento, di alcun reintegro del Fus.
Una parola di conforto è arrivata da Giulia Rodano, Assessore alla Cultura della Regione Lazio, che ha confermato l'impegno della Regione per cercare di tamponare i tagli del governo. Ma per i circa duecentomila operatori del settore resta l'incubo di un fermo delle attività, in parte già iniziato, che potrebbe prolungarsi per anni. Con conseguenze facilmente prevedibili. Alla fine della manifestazione tutti daccordo nello sviluppare nuove azioni di lotta, più incisive e più eclatanti. E la Mostra del Cinema di Venezia potrebbe diventare uno degli obiettivi strategicamente più importanti.

Scritto da ADMIN
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA