questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

La guerra dei Festival: Ornaghi convoca i rappresentanti di Roma e Torino

Attualità

08/05/2012

Non c'è pace per il festival di Roma. Dopo l'annosa polemica con il Festival di Venezia, adesso dopo lo slittamento di date voluto dal nuovo Direttore Marco Muller è partita con toni decisamente accesi una nuova polemica con il festival di Torino. Ieri il Presidente del Museo del Cinema di Torino, Ugo Nespolo, uno degli enti promotori del Festival, aveva commentato con queste parole: "E' la conclusione logica di un atto di arroganza inspiegabile e gratuita, in quanto si poteva fare tutto d'amore e d'accordo. Abbiamo sperato fino all'ultimo che le cose si mettessero a posto con il fair play da parte di tutti, invece non è stato così. Adesso valuteremo sul da farsi, se vogliono fare i duri, faremo i duri anche noi". Nespolo inoltre ha aggiunto che la decisione del Festival di Roma rappresenta un grave danno all'intero sistema cinema nazionale, anzi al sistema culturale italiano che - sottolinea - dovrebbe invece essere coeso, tanto più in un momento delicato come questo. Invece ognuno si fa i fatti suoi senza pensare ai problemi degli altri. "Noi - conclude - abbiamo un'identità da difendere, abbiamo 30 anni; la Festa di Roma è appena nata e non mi sembra abbia una grande identità".

Immediata reazione anche da parte del Ministro dei Beni Culturali Lorenzo Ornaghi, che ha convocato in extremis le parti "per salvaguardare non solo gli interessi specifici delle due manifestazioni, ma anche l'interesse generale e l'armonico sviluppo dell'intero sistema dei festival cinematografici".

Tentativo onorevole, ma probabilmente destinato a scontrarsi con il muro di gomma di Marco Muller che ha trasformato le date controverse del 9-17 novembre in un ultimatum, prendere o lasciare (la Direzione del Festival). Per la cronaca poche ore fa il Sindaco Alemanno ha commentato in modo decisamente sibillino la situazione: "Tutto quello che si può fare per aiutare Torino siamo disponibile a farlo. Tuttavia noi andiamo avanti perché i tempi sono strettissimi. Muller ha cominciato a lavorare, domani ci sarà il cda, poi attendiamo la convocazione di Ornaghi".

Scritto da Piero Cinelli
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA