questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

La flotta di 300 domina il box office Usa

Attualità, Box Office

09/03/2014

Nonostante i 7 anni che lo separano dal primo capitolo il sequel 300 L'alba di un impero, inizialmente previsto per l'estate 2013 e slittato dalla Warner a marzo 2014 ufficialmente per riprendere la data di uscita del primo film, conquista senza spargimenti di sangue la vetta del box office Usa con 45 milioni di dollari nel week end ed una media di circa 13mila dollari per schermo, che non è altissima considerando che la maggioranza degli incassi (il 63%, oltre ad un incredibile 15% provenienti dagli schermi Imax) arriva dalle sale 3D con biglietto maggiorato. Lontano il traguardo del primo capitolo, diretto da Zack Snyder che adesso produce questo sequel, che nel 2007 esordì con un week end da 70 milioni. In compenso questo sequel diretto da Noam Murro sta andando molto meglio nei territori internazionali, con un esordio complessivo di 88 milioni, per un totale worldwide di 132 milioni. L'altro esordiente di rango, il cartone Dreamworks Mr. Peabody & Sherman si deve accontentare della seconda posizione, con un incasso di 32,5 milioni di dollari, con critiche eccellenti ed una media per sala non troppo entusiasmante di 8mila dollari. Molto meglio di Turbo che debuttò con 21 milioni, ma peggio dei Croods dei Dragon Trainer, entrambi con 43 milioni al saldo dei primi tre giorni. Scende in terza posizione l’action Non-Stop che in dieci giorni totalizza  52 milioni, seguito da The Lego Movie, che invece in cinque settimane ha portato in casa Warner 225 milioni di dollari.

Il biblico Son of God scende in quinta posizione con 41 milioni incassati in dieci giorni. Da segnalare il rientro ibn top ten del vincitore del Premio Oscar 12 anni schiavo che si classifica in nona posizione con 2,2 milioni (totale di 53 milioni) ed un incremento del 123% rispetto alla settimana precedente. Da segnalare infine la straordinaria performance di Grand Budapest Hotel che uscito in quattro sale ha incassato 800mila euro, alla media sbalorditiva di 200mila euro per schermo. 

Scritto da Piero Cinelli
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA