questo sito contribuisce all'audience diiVid.it
Caricamento pagina in corso...

L’action è ad alta tensione

Attualità

25/07/2005
Mai come nella prossima stagione cinematografica "azione" farà rima con "politica". Come se i conflitti internazionali facessero da miccia o anche soltanto da sfondo a storie in cerca di tensione, la macchina cinematografica allarga il tiro e punta sul Medioriente, sulla frontiera messicana, sul traffico di armi attaccando, grazie agli stumenti del genere, i punti più bollenti della scena politica e sociale. I film si chiamano Syriana, History of Violence, The Lord of War, The Departed, e ci accompagneranno da ora all'inizio inoltrato del 2006.
Ma non è un caso che il re degli action-movie della prossima stagione sia Seven Swords del maestro Tsui Hark: distillato di azione pura riportata alle origini del "wuxiapian", il film di arti marziali cinese. Pochissimi o nessun effetto speciale, molto uso artigianale delle armi, sfoggio dell'imperfezione, sudore vero, un uso al limite dell'ossessivo degli oggetti di scena. Medusa lo propone il 3 settembre in quasi contemporanea con la Mostra del cinema di Venezia che lo presenterà in apertura di festival.
Si inoltra nei meccanismi di guerra Stealth (esce il 9 settembre), il Top Gun del nuovo millennio come lo definiscono alla Sony Pictures, film-multiplex ma nobile, tutto combattimenti fra intelligenze artificiali e tenenti umani e con un cast superdotato (Jamie Foxx, Jessica Biel, Josh Lucas).
Syriana (Warner, il 23 settembre) alza la temperatura del conflitto mediorientale: Syriana come Siria, ovvero stato nemico perché ostile, con un George Clooney ingrassato e invecchiato nei panni dell'agente della Cia Robert Baer. Ad ottobre invece è la volta di The Legend of Zorro, sequel galoppante de La maschera di Zorro, diretto ancora una volta dal neozelandese Martin Campbell, e interpretato a fil di spada dalla coppia regina Banderas-Zeta Jones.  
Fa il punto sul traffico d'armi The Lord of War. Altro fiore all'occhiello del listino Warner con un Nicolas Cage signore delle armi alle prese con un problema di coscienza: scritto e diretto da Andrew Niccol, sceneggiatore e produttore di The Truman Show.
Con David Cronenberg il Natale si fa duro: History of Violence è uno studio a sangue freddo sul lato oscuro che ci spinge a uccidere. Film a "vocazione commerciale per chi durante le feste vuole non-solo-family" come dicono alla 01 Distribution, sfoggia grandi ritmi per una riflessione sul lato violento dell'America. Natale Cdi riservato ai fans dell'action a 360 gradi con Assalto al 13esimo distretto, remake del vecchio film di John Carpenter, mentre è un action-noir Ice Harvest con John Cusack (sempre Cdi) che vedremo nel 2006. Così come vedremo il prossimo anno Bordertown (lo distribuisce Fox), diretto da Gregory Nava, con Antonio Banderas e Jennifer Lopez: l'attrice sarà una combattiva giornalista alle prese con un'inchiesta su alcune misteriose morti a Juarez, città di frontiera messicana. Sempre nel listino Fox 2006 troviamo George Clooney nei panni di un avvocato perseguitato dai clienti nell'action-thriller Michael Clayton. Grande attesa per The Departed di Martin Scorsese (ancora Fox 2006), remake di una produzione di Hong Kong, che vede il duello 'under cover' tra il gangster Matt Damon infiltrato nella polizia, e il poliziotto Leonardo DiCaprio infiltrato in una gang.
Scritto da ADMIN
Tag: action
VOTO
 

NOTIZIE CORRELATE

LA PROSSIMA SETTIMANA